Il generale Costa dà la disponibilità a fare il ministro dell'Ambiente

I Carabinieri autorizzano la licenza, operativa da subito. Chi è l'uomo che Di Maio vorrebbe ministro dell'Ambiente

Il generale Costa dà la disponibilità a fare il ministro dell'Ambiente
 YouTube
 Sergio Costa

Il generale di brigata Sergio Costa, comandante della Regione Carabinieri Forestale Campania, ha fornito la propria disponibilità ad assumere un incarico di governo, qualora chiamato a farlo. Lo riferisce una nota del Comando generale dell'Arma dei carabinieri. A indicare il gen. Costa in una ipotetica formazione di governo M5s e nel ruolo di ministro dell'Ambiente è stato oggi il candidato premier pentastellato Luigi Di Maio, facendone il nome in diretta tv. 

Il comunicato del Comando generale dell'Arma aggiunge che l'alto ufficiale nel contempo ha richiesto di essere posto in licenza "per evitare che la sua personale decisione possa condizionare le attività di servizio". E il Comando generale dell'Arma ha autorizzato la concessione della licenza a partire da oggi, alla luce della normativa vigente.

Chi è Sergio Costa

"Da servitore dello Stato, qualora il premier incaricato ritenesse di indicarmi come possibile ministro dell'Ambiente, mi renderò disponibile". Sono state queste le parole di Sergio Costa, dando la sua disponibilità a fare il ministro in un ipotetico governo dei 5 stelle.  Di Maio lo aveva annunciato a In Mezz'ora: "Questa settimana il M5S presenterà al Presidente della repubblica una proposta di lista di ministri. Lo facciamo per fare sapere agli italiani quale sarà il capitale umano sul quale si deve investire", ha detto di Maio a Lucia Annunciata durante la trasmissione  ‘In mezz'ora in più’. "L'ambiente sarà centrale e come ministro ho intenzione di proporre Sergio Costa, generale di brigata dell'Arma dei carabinieri".

Generale di Brigata dell'Arma dei Carabinieri, comandante della Regione Campania dei Carabinieri forestali, laureato in Scienze Agrarie, Costa ha conseguito un master in diritto dell'Ambiente ed è specializzato in investigazioni ambientali. Da sempre impegnato nel contrasto alle ecomafie e al clan dei Casalesi, ha ricordato Di Maio in un post su Facebook. “Ha scoperto la più grande discarica di rifiuti pericolosi di Europa seppellita nel territorio di Caserta mettendo a nudo gli opachi rapporti delinquenziali nell'ambito dei rifiuti tossici”.

Ancora di Maio su Costa: “Ha anche scoperto la discarica dei rifiuti nel territorio del Parco Nazionale del Vesuvio. Inoltre ha operato attivamente nell'ambito di indagini internazionali sempre nell'ambito di traffico illecito di rifiuti nocivi. Ha collaborato con la Direzione Nazionale Antimafia nello svolgimento di analisi investigative ambientali sull'intero territorio nazionale".

Commosso dalle parole di disponibilità arrivate da Costa, Luigi Di Maio ha ringraziato, nel corso della trasmissione Rai il generale, "un uomo che ha lottato contro chi avvelenava e faceva morire di tumore le popolazioni della terra dei fuochi".



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it