Divorzio breve: resta il nodo di quello 'lampo', si pensa allo stralcio

(AGI) - Roma  - Il divorzio breve approda nell'Auladel Senato che lo votera' con ogni probabilita' giovedi'mattina. Accorcia i tempi della  [...]

(AGI) - Roma, 11 mar. - Il divorzio breve approda nell'Auladel Senato che lo votera' con ogni probabilita' giovedi'mattina. Accorcia i tempi della separazione dai tre anniattuali a dodici mesi soltanto in caso di giudiziale, a seimesi quando la separazione e' consensuale. Interlocuzioni sono ancora in corso fra le forze politichesu quello che resta ancora il nodo del testo approvato incommissione: la possibilita' di saltare a pie' pari la fasedella separazione per quelle coppie che lo chiedono,congiuntamente e dunque in accordo, al giudice e che sianosenza figli minorenni, o figli maggiorenni con handicap gravi esenza figli al di sotto dei 26 anni non economicamenteautosufficenti. Su questa norma non si e' ancora trovato un punto di cadutanella maggioranza. E si sta facendo strada l'ipotesi dellostralcio, per approvare il provvedimento nella versionelicenziata dalla Camera. Testo che e' stato comunque oggetto dimodifiche tecniche a Palazzo Madama e che, quindi, nondiventera' legge domani perche' si rendera' necessaria unaterza lettura. Nel Pd vi sono una ventina di senatori non favorevolitant'e' che alcuni hanno presentato un emendamento soppressivoe c'e' contrarieta' diffusa anche, si apprende, in Areapopolare. La Lega sarebbe contro mentre FI sarebbe spaccata sulpunto. A favore del divorzio diretto Sel, si apprende ancora,mentre M5S favorevole al divorzio breve su quello immediatosarebbe intenzionata a lasciare liberta' di coscienza. L'assemblea dei democratici del Senato che si e' conclusastamattina e' terminata con la decisione di dare liberta' divoto ai senatori. Da parte della segreteria del Partito guidato da MatteoRenzi non vi sarebbero posizioni pregiudiziali sul divorziodiretto a patto che, sarebbe stata questa la comunicazione, nondiventi ostacolo all'approvazione del divorzio breve. Questo, spiega la relatrice, Rosanna Filippin "e'assolutamente prioritario. Il divorzio breve e' una necessita'richiesta dal Paese da diverso tempo e siamo a un passo dalrisultato". E' una norma "blindata" su cui "non si tornaindietro". (AGI).