Cosa sono andati a fare Di Maio e Di Battista in auto a Strasburgo

Dal piazzale all'esterno dell'Eurocamera annunciano il lancio di un manifesto e di una alleanza europea "né di destra né di sinistra" con alcune forze politiche che condividono la stessa visione dell'Europa

Di Maio Di Battista Strasburgo
 Facebook
 Di Maio e Di Battista a Strasburgo

Inizia su un mini van nero in diretta Facebook e una breve apparizione all'esterno dell'Europarlamento la campagna elettorale per le europee del Movimento 5 stelle.

Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista partono in macchina dall'Italia in mattinata, raggiungono Strasburgo nel pomeriggio e dal piazzale all'esterno dell'Eurocamera dove sta per iniziare la sessione plenaria, annunciano il lancio di un manifesto e di una alleanza europea "né di destra né di sinistra" con alcune forze politiche che condividono la stessa visione dell'Europa.

Di Maio e Di Battista profetizzano uno tsunami sull'Ue

I due leader del Movimento attaccano la Ue che o "si mette in testa che si cambiano i trattati o crolla", prevedono che le prossime elezioni europee saranno uno 'tsunami' politico pari a quello del 4 marzo e bollano come "uno spreco e una marchetta ai francesi" l'esistenza di due sedi del Parlamento europeo a Bruxelles e Strasburgo.

Di Maio e Di Battista non incontrano i parlamentari europei pentastellati, l'operazione 'Europa' si svolge quasi tutta via social e all'interno dell'auto.  A Strasburgo Di Battista ha incontrato un gruppo di europarlamentari pentastellati tra cui la capogruppo Laura Agea e il vicepresidente del Parlamento europeo, Fabio Massimo Castaldo. Il M5S Europa ha pubblicato una foto su Facebook. 

Con chi si alleerà il M5s

Ma il capitolo alleanze è delicato: lo scopo è creare una rete per arrivare al dopo elezioni con un gruppo a Strasburgo che abbia un peso sufficiente per fare da contraltare all'alleato leghista, dato dai sondaggi in crescita esponenziale.

Per formare un gruppo parlamentare a Strasburgo servono minimo 25 eurodeputati di sette diverse nazionalità, al momento i 5 stelle, orfani dell'Ukip di Nigel Farage causa Brexit, arrivano a 4 e con forze politiche che non è detto che superino il quorum del 4% necessario per mandare degli eletti in Europa.

I tre leader che Di Maio ha incontrato a Bruxelles la settimana scorsa e su cui conta per fondare l'alleanza sono il polacco Pawel Kukiz, ex frontman di una rock band, su posizioni antiabortiste e capo del gruppo di destra Kukiz '15, la finlandese Karolina Kahonen, del movimento Liike Nyt, e il croato Ivan Sincic del movimento euroscettico 'Scudo umano'. Formazioni, salvo forse la croata, il cui appeal elettorale non sembra irresistibile.

Un gruppo né di destra, né di sinistra

Ma i vertici del M5S ci credono e ai giornalisti che glielo fanno notare Di Battista risponde con una battuta: "Non ci avete sempre preso in queste cose, quando fate così portate bene". "Dei movimenti con cui stiamo facendo un accordo il più scarso ha il 10%", aggiunge Di Maio. "Alcuni movimenti li abbiamo incontrati già a Bruxelles, con altri siamo in contatto - dice ancora Di Maio a fine giornata - io credo che ci siano i numeri per costruire un gruppo parlamentare europeo né di destra né di sinistra che si fonda sul principio di una democrazia più partecipata e diretta, più legata al diritti del lavoro e sociali".

Un Rassemblement che nelle intenzioni e negli auspici del vicepremier dovrebbe comprendere anche i Gilet Gialli francesi, malgrado le ripetute prese di distanza del movimento d'oltralpe. "Avremo contatti e li incontreremo - dice Di Maio - poi decideranno loro se scendere in politica o no". 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it