Dai lavori socialmente utili agli stage, ecco le novità del pacchetto immigrazione

Il Corriere della Sera: "Al vaglio modifica di due norme che ostacolano il rimpatrio"

Dai lavori socialmente utili agli stage, ecco le novità del pacchetto immigrazione
Migranti (foto Oxfam)

Roma – Lavori socialmente utili in attesa di ottenere lo status di rifugiato e stage nelle aziende per diplomati e laureati: queste le novità più importanti contenute nel nuovo pacchetto in materia di immigrazione che coinvolge Regioni e Comuni. L’obiettivo è quello di “ garantire accoglienza a chi ha titolo, essendo inflessibili con chi non ha i requisiti per rimanere nel nostro Paese”, ha spiegato al Corriere della Sera il ministro dell’Interno Marco Minniti, che mercoledì presenterà le nuove misure al Parlamento, chiamato a valutare una  modifica sostanziale sulla possibilità di presentare appello contro il provvedimento che nega l’asilo e sul reato di clandestinità. In pratica la misura punta a snellire le procedure ed eliminare le lungaggini che ostacolano il rimpatrio.

Due mesi dopo la presentazione della richiesta di asilo, ai migranti verrà rilasciato un documento in cui vengono indicati come ‘sedicenti’ rispetto alle generalità che hanno fornito al momento dell’arrivo. Basterà quel foglio per inserirli nel circuito dei lavori socialmente utili che diventerà uno dei requisiti di privilegio per ottenere lo status di rifugiato. Proprio come già accade per il corso di italiano obbligatorio per chi vuole ottenere la cittadinanza”.  Non solo: sono previste anche “convenzioni anche con le aziende per stage che potranno essere frequentati da chi ha diplomi o specializzazioni, proprio come avviene in Germania, nell’ottica di inserire gli stranieri nel sistema di accoglienza avendo la loro disponibilità a volersi davvero integrare”.