Ciampi, quelle estati a Santa Severa fra pattino e tresette

Ciampi, quelle estati a Santa Severa fra pattino e tresette
1997 Santa Severa, il ministro del Tesoro Carlo Azeglio Ciampi in vacanza (Agf) 

Roma- Un uomo non comune nel suo essere comune e con due passioni: il suo pattino e il tresette. Cosi' descrivono Carlo Azeglio Ciampi, Presidente Emerito della Repubblica, all'Associazione Velica e Montonautica di Santa Severa, vicino a Roma, dove lo statista ha sempre passato le sue vacanze. "Una persona semplice e gentilissima - racconta all'Agi Andrea Ripandelli, il presidente della Velica - .Un uomo alla mano ma attento alla forma e alla comunicazione,allo stile. Il suo essere diventato quello che era, non lo ha mai messo nella condizione di quello cui tutto era dovuto. Ciampi voleva essere una persona come le altre. Le sue passioni qui? Il pattino sul quale andava sempre e il tresette. Il pattino lo ha donato alla nostra associazione".

Ciampi amava il mare, sottolineano alla Velica, "appena poteva veniva qui e saliva sul suo pattino per andare a remare in pace. Da Presidente della Repubblica, ogni tanto si faceva vedere per fare una partita a carte con gli amici. L'ho fatto socio onorario della nostra associazione e mi ha scritto una lunga e bellissima lettera di ringraziamento, secondo il suo stile. Carlo Azeglio Ciampi amava le cose semplici". Santa Severa, il suo castello sul mare che si incendia al tramonto del sole, il pattino, le carte, una chiacchiera con gli amici. "Sono sicuro - conclude Ripandelli - che fra un giro in uno yacht di lusso, cosa alla quale ambiscono in molti, e il suo tresette, preferiva giocare con gli amici seduto al tavolo dell'associazione". (AGI)