Campania: De Luca puo'insediarsi "ora rigore all'insegna legalita

(AGI) - Roma, 2 lug. - "La sentenza del tribunale di Napoli cimette in condizione di cominciare pienamente il nostro lavoroamministrativo. E' un atto che consente agli elettori di vedererispettato il loro diritto di scegliere da chi esseregovernati". Lo afferma il governatore della Campania, VincenzoDe Luca, ai microfoni del sito on line dell'Unita'. "Credo chenei prossimi mesi ci saranno delle cose positive per l'Italia,oltre che per la Campania: arrivera' l'immagine di un'altraCampania, un'immagine di una classe dirigente fatta di dignita'istituzionale, di concretezza amministrativa e di rigorespartano: si comincia davvero a

(AGI) - Roma, 2 lug. - "La sentenza del tribunale di Napoli cimette in condizione di cominciare pienamente il nostro lavoroamministrativo. E' un atto che consente agli elettori di vedererispettato il loro diritto di scegliere da chi esseregovernati". Lo afferma il governatore della Campania, VincenzoDe Luca, ai microfoni del sito on line dell'Unita'. "Credo chenei prossimi mesi ci saranno delle cose positive per l'Italia,oltre che per la Campania: arrivera' l'immagine di un'altraCampania, un'immagine di una classe dirigente fatta di dignita'istituzionale, di concretezza amministrativa e di rigorespartano: si comincia davvero a voltare pagina all'insegnadella legalita' e della trasparenza", conclude De Luca. Queste le parole del governatore della regione Campaniadopo la sentenza del tribunale civile di Napoli che ha accoltoil ricorso d'urgenza e ha sospeso la sospensione dalla caricaper effetto della legge Severino. De Luca puo' cosi' insediarsie formare la sua giunta. Il ricorso ordinario, incardinato allaprima sezione, sara' invece discusso il prossimo 20 novembre."Rispetto per il Tribunale di Napoli, che ha affrontato unaquestione, anche inedita, con grande attenzione e profondita'".Lo sottolinea Vincenzo De Luca in una nota. Il presidente dellaCampania esprime anche un "ringraziamento ai miei legali per laloro professionalita'", ma puntualizza che "si apre ora la fasedel lavoro e dell'impegno amministrativo pieno. Nei prossimimesi, sara' sempre piu' chiaro che la vecchia Campania deiluoghi comuni non esiste piu'. Arrivera' presto, all'Italiaintera, l'immagine di un'altra classe dirigente, fatta didignita' istituzionale, di concretezza operativa, di rigorespartano. Lavoreremo, a testa alta, per affrontare e risolverei nostri problemi, e valorizzare in pieno le nostrepotenzialita'". "Siamo estremamente soddisfatti sia per ilrisultato favorevole che premia il successo democratico diVincenzo De Luca, sia per i tempi celeri della giustiziaordinaria a fronte del riconoscimento della illegittimita'della legge Severino". A dirlo all'Agi e' l'avvocato LorenzoLentini, legale del governatore della Campania Vincenzo DeLuca, dopo l'accoglimento del ricorso d'urgenza ex articolo 700da parte del presidente della I sezione del Tribunale civile diNapoli, Gabriele Cioffi, che sospende l'efficacia delprovvedimento di sospensione di De Luca dalla carica dipresidente della Regione Campania per effetto della leggeSeverino. "E' stata dimostrata - insiste - la fondatezza dellequestioni di legittimita' costituzionale della legge Severino.De Luca adesso puo' insediarsi, nominare la giunta e proseguirel'attivita' amministrativa". Il Tribunale di Napoli ha fissatoper il 17 luglio l'udienza collegiale per la discussione dimerito. L'avvocato Antonio Brancaccio, firmatario conAbbamonte e Lentini del ricorso ex articolo 700 contro lasospensione di De Luca dalla carica di presidente della GiuntaRegionale della Campania, in una nota esprime la suasoddisfazione per "l'accoglimento della domanda cautelare daparte del presidente della I sezione del tribunale di Napoli",che ha congelato con decreto monocratico la sospensione "con unprovvedimento di estrema chiarezza, ispirato a fondamentaliprecetti costituzionali". "La soddisfazione e' dupliceaggiunmge Brancaccio - in quanto analoga sospensiva era statadecretata il 26 gennaio scorso dal presidente del TarCampania-sezione di Salerno, su ricorso di urgenza, redatto dame contro l'atto con il quale il Prefetto di Salerno aveva gia'sospeso De Luca dalla carica di sindaco di Salerno. Ancora unavolta hanno trionfato la giustizia e la sovranita' popolare".(AGI).