Calenda ha cambiato idea sui 5 stelle?

Cosa ha detto il ministro dello Sviluppo economico intervistato da Lucia Annunziata

Calenda governo M5S 
Aleandro Biagianti / AGF
Carlo Calenda (AGF)

A sorpresa Carlo Calenda, ministro dello Sviluppo economico che si era detto pronto a strappare la tessera del Pd appena presa di fronte alla prospettiva di un governo con M5s, apre al dialogo con i grillini.

Può esserci, dice intervistato da Lucia Annunziata, "perché in politica bisogna sedersi con tutti, ma non per fare la ruota di scorta a un governo Di Maio". In politica ci si siede sempre al tavolo, ma con una proposta, ma non per fare un'alleanza con il movimento 5 Stelle. Allora facciamo tutti un passo indietro e facciamo noi la proposta di un governo istituzionale serio". 

Il problema di Di Maio e del Movimento 5 stelle, aggiunge, "è solo quello di arrivare al governo, "perché poi la linea la daranno solo Grillo e Casaleggio. C'è ancora tantissima propaganda nel M5s, è un partito che prima delle elezioni sosteneva il referendum sull'euro. Io non do credibilità a Di Maio che ha un comportamento ondivago e che cambia il programma proprio quando deve andare lui a Palazzo Chigi". Per Calenda M5s ha "una leadership carismatica che non è Di Maio ma Grillo ed è dall'esterno che arrivano delle svolte", 

Per spiegare il nuovo atteggiamento, Calenda dice: "E' chiaro che in tutti i programmi ci sono cose che possono essere messe insieme, ma la verità è che c'è una diversità fortissima tra M5s e Pd" e porta l'esempio di "due problemi" che sta affrontando, l'Ilva e il Tap. "La linea del M5s è di abbandonare il Tap e di chiudere l'Ilva. Il governo è fatto di queste scelte ed è fatto tutti i giorni di queste scelte: come si fa a stare insieme se la quotidianità del governo diventa un continuo conflitto? Il Paese non ha bisogno di questo. Bisogna dunque sedersi con tutti, e quindi anche con i 5 Stelle, ma con una proposta che non può essere quella di fare la ruota di scorta di un governo di Di Maio".

La ricetta di Calenda è quindi di "proporre al Movimento 5 Stelle un governo istituzionale, con obiettivi condivisi e che metta mano a cose che sono interesse di tutti. Serve un governo pieno ma si può fare un passaggio intermedio, visto che né Salvini né Di Maio hanno mai governato". 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it