Berlusconi, sciogliere subito Comune di Roma e al voto

(AGI) - Roma, 5 dic. - Sono passati pochi giorni dalla scossadi terremoto che ha fatto tremare Roma aprendo una voraginesulla connivenza fra sistema mafioso e politica. Scossa che hacondotto all'arresto di 37 persone con oltre 100 indagati. Allerichieste di commissariamento, soprattutto da parte dei CinqueStelle (che tornano alla carica alle 19 in Campidoglio conl''onesta' night'), si aggiunge quella di Silvio Berlusconi:"Sono convinto che l'unica soluzione accettabile sia quella diuno scioglimento immediato del Consiglio Comunale procedendoconseguentemente all'immediata convocazione di nuove elezioniper la citta' di Roma". Diversa la risposta del presidente

(AGI) - Roma, 5 dic. - Sono passati pochi giorni dalla scossadi terremoto che ha fatto tremare Roma aprendo una voraginesulla connivenza fra sistema mafioso e politica. Scossa che hacondotto all'arresto di 37 persone con oltre 100 indagati. Allerichieste di commissariamento, soprattutto da parte dei CinqueStelle (che tornano alla carica alle 19 in Campidoglio conl''onesta' night'), si aggiunge quella di Silvio Berlusconi:"Sono convinto che l'unica soluzione accettabile sia quella diuno scioglimento immediato del Consiglio Comunale procedendoconseguentemente all'immediata convocazione di nuove elezioniper la citta' di Roma". Diversa la risposta del presidente delSenato Piero Grasso e del ministro dell'Interno AngelinoAlfano. "Per sciogliere un Comune ci vuole ben altro rispetto aquel che conosco io - ha detto Grasso -il Comune di Roma mipare che sia al di fuori di queste tematiche, solamente alcunisono coinvolti". A Grasso fa eco Alfano, secondo cui ilcommissariamento di un Comune "e' un procedimento moltocomplesso e bisogna andarci con i piedi di piombo. Il sindacoMarino non e' coinvolto e aggiungo anche che la capitaled'Italia e' una citta' sana, non e' marcia. L'attitudine delgoverno non e' quella di punire la citta' ma di aiutare leforze dell'ordine e la magistratura a fare si' che venganopuniti i colpevoli". Il presidente dell'Autorita'Anticorruzione, Raffaele Cantone, lancia l'allarme: "Dietrocerti meccanismi di impegno sociale ci sono affarismi. So beneche nel mondo dell'assistenza agli stranieri e rom per esempio,c'e' il meglio dell'Italia ma c'e' bisogno di trasparenza edobbiamo dirlo con chiarezza. Non abbiamo voglia dicommissariare l'Italia, ci mancherebbe. Nella pubblicaamministrazione c'e' pero' tanta gente che parla ma al momentodi fare, le regole di trasparenza vengono viste come unaggravio. Diamoci da fare allora e rimbocchiamoci le maniche".Secondo Rosy Bindi, presidente della Commissione Antimafia "ilPd deve essere in primo piano per ulteriori accertamenti sulleistituzioni coinvolte, mi auguro che si lavori accanto allamagistratura senza interferire ma si dia una mano per fareinchieste amministrative interne". Intanto il sindaco Ignazio Marino, per il quale ieri ilprefetto ha auspicato la scorta, risponde a tono sullaquestione della foto che lo ritrae con Buzzi all'indomani dellasua dichiarazione in cui sosteneva di non averlo maiincontrato: "E' incredibile che mentre escono intercettazionidella mafia in cui si parla di farmi fuori, si cerchi di alzareun polverone su una visita pubblica, e relativa foto, fattaalla luce del sole", ha scritto su twitter. Le foto che loritraggono a colloquio con Salvatore Buzzi, "sono statescattate durante la campagna elettorale", ha spiegato ilsindaco, "con lui non ho avuto conversazioni di lavoro ne' quelgiorno ne' mai". (AGI).