Berlusconi ha chiesto ai partiti di evitare nuove elezioni e di formare un governo

Silvio Berlusconi parla alla Stampa della difficile risoluzione dell'impasse politica dell'Italia dopo le elezioni: "Campagna elettorale finita, serve responsabilità"

Berlusconi ha chiesto ai partiti di evitare nuove elezioni e di formare un governo
Foto: Vista
 Berlusconi

Silvio Berlusconi parla alla Stampa della difficile risoluzione dell'impasse politica dell'Italia dopo le elezioni, che secondo lui hanno sancito sostanzialmente due cose. Dice il presidente di Forza Italia: 

"Ciò significa due cose: che il centro-destra ha il diritto ma soprattutto il dovere di guidare il prossimo governo, e che nessuno, fra chi ha ottenuto un consenso importante dagli elettori, può pensare di non farsi carico della necessità che il Paese sia governato. I problemi dei quali tutti abbiamo parlato in campagna elettorale, la povertà, la disoccupazione fra i giovani, le difficili condizioni del sud, il pericolo sicurezza, l’emergenza immigrazione sono urgenze drammatiche, non solo temi da campagna elettorale"

Messaggio ovviamente rivolto ai 5 Stelle a cui dice piuttosto direttamante che che l'incarico tocca al centrodestra, ma soprattutto messaggio al Pd, che non può escludersi dalla partita. Perché "i problemi dei quali tutti abbiamo parlato in campagna elettorale, la povertà, la disoccupazione fra i giovani, le difficili condizioni del sud, il pericolo sicurezza, l'emergenza immigrazione sono urgenze drammatiche, non solo temi da campagna elettorale".  Inoltre Berlusconi avverte Matteo Salvini - ribadendo "leale collaborazione" - di usare cautela nei prossimi passaggi istituzionali.

"Credo che in questa fase tocchi a Salvini scegliere la strada che ritiene più opportuna. Noi lo sosterremo lealmente. Certo, è evidente che se intere forze politiche dimostreranno disponibilità e responsabilità, si potrà andare verso una soluzione più stabile".

"Credo che responsabilità significhi prendere atto del fatto che Salvini è il leader del partito più votato all'interno della coalizione più votata. Significa anche la consapevolezza del fatto che nuove elezioni sarebbero allo stesso tempo un pessimo segnale per la democrazia e una strada probabilmente non risolutiva. Meglio, molto meglio perdere qualche settimana per un buon governo, se possibile, che mesi in una nuova campagna elettorale".

 "Le presidenze delle due Camere, soprattutto in una situazione complessa come questa, devono essere figure di alto profilo istituzionale e di garanzia per tutti. Non si può ridurre la questione a delle caselle da riempire nell'ambito di un equilibrio politico complessivo".

 

Berlusconi inoltre nell'intervista esclude "nel modo più assoluto" un'alleanza fra Lega e M5S. "Mi fido di Salvini", aggiunge. Esclude anche un Governo di scopo, per rifare la legge elettorale, perché "non vedo alcuna possibilità, con questi numeri parlamentari e con questa situazione nel Paese, di fare una legge elettorale migliore" del Rosatellum. Esclude, infine, un futuro da partito unitario per il centrodestra, perché, dice, "il nostro futuro si chiama semplicemente Forza Italia, il nostro avvenire rimane ben distinto da quello dei leghisti che sono certo alleati leali, ma che hanno una storia diversa dalla nostra, un linguaggio diverso dal nostro, valori diversi dai nostri".



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it