Zootecnia: Fava, per ripartizione fondi avanti su nostra linea

(AGI) - Roma, 18 set. - "In commissione Politiche Agricole aRoma ho registrato con soddisfazione che la posizione diRegioneLombardia sui controlli funzionali in zootecnia, espressa apiu'riprese e sulla quale riteniamo che le risorse debbano essereriequilibrate verso un maggiore sostegno dei territori chesvolgono il numero maggiore di operazioni, e' stata condivisaanche da altre Regioni. Questo permettera' di riportare ladiscussione in sede tecnica per definire un nuovo piano diriparto". Lo ha detto l'assessore all'Agricoltura dellaLombardia, Gianni Fava, che piu' volte aveva lamentato unosbilanciamento eccessivo dell'assegnazione dei fondi per icontrolli

(AGI) - Roma, 18 set. - "In commissione Politiche Agricole aRoma ho registrato con soddisfazione che la posizione diRegioneLombardia sui controlli funzionali in zootecnia, espressa apiu'riprese e sulla quale riteniamo che le risorse debbano essereriequilibrate verso un maggiore sostegno dei territori chesvolgono il numero maggiore di operazioni, e' stata condivisaanche da altre Regioni. Questo permettera' di riportare ladiscussione in sede tecnica per definire un nuovo piano diriparto". Lo ha detto l'assessore all'Agricoltura dellaLombardia, Gianni Fava, che piu' volte aveva lamentato unosbilanciamento eccessivo dell'assegnazione dei fondi per icontrolli funzionali, con la Lombardia costretta a farne lespese. "Come ho ribadito, la Lombardia non chiede la coperturaintegrale delle spese sostenute per i controlli funzionali, chepesano per il 42% del totale nazionale - afferma Fava - ma e'parso evidente anche ad altre Regioni che il finanziamento nonpoteva fermarsi ad appena il 23%, una soglia decisamente bassa,che avrebbe penalizzato il sistema allevatoriale, con ilrischio di indebolire la filiera agroalimentare dei prodotti diorigine animale". E' stato condiviso da altre Regioni anche il sollecitodella Lombardia affinche' siano le risorse del Pon (Pianooperativo nazionale) sulla biodiversita', settore per il qualesono stati previsti fondi per 200 milioni di euro, a coprire lerisorse mancanti. "Sono risorse espressamente previste per lazootecnia - osserva Fava - e sarebbe incomprensibile imporrealle Regioni di destinare una quota del loro bilancio per ilsettore, quando gia' esiste lo stanziamento statale". Per l'assessore Fava, "la decisione di ieri non e'l'affermazione della posizione della Lombardia o di altreRegioni, ma e' la vittoria degli allevatori ad ottenere unadiscussione piu' equa nella ripartizione dei fondi in base aireali bisogni del territorio".(AGI)Bru