Scala: Guzzetti, contributo Cariplo ad altissimo rischio di taglio

(AGI) - Milano, 4 dic. - Il contributo che la FondazioneCariplo da' ogni anno al teatro alla Scala di Milano "e' adaltissimo rischio". Lo ha affermato il presidente dellaFondazione, Giuseppe Guzzetti, facendo riferimento all'aumentodella tassazione previsto dalla legge di stabilita' per enticome la Cariplo. "E' chiaro - ha detto a margine di un convegno- che i 6,2 milioni che noi ogni anno abbiamo destinato allaScala, e da quando la fondazione e' nata sono decine i milioniche noi abbiamo messo, sono ad altissimo rischio di taglio senon modificano la legge di stabilita'".

(AGI) - Milano, 4 dic. - Il contributo che la FondazioneCariplo da' ogni anno al teatro alla Scala di Milano "e' adaltissimo rischio". Lo ha affermato il presidente dellaFondazione, Giuseppe Guzzetti, facendo riferimento all'aumentodella tassazione previsto dalla legge di stabilita' per enticome la Cariplo. "E' chiaro - ha detto a margine di un convegno- che i 6,2 milioni che noi ogni anno abbiamo destinato allaScala, e da quando la fondazione e' nata sono decine i milioniche noi abbiamo messo, sono ad altissimo rischio di taglio senon modificano la legge di stabilita'". Solo ieri, a pochi giorni dalla 'prima' del 7 dicembre, ilsovrintendente della Scala, Alexander Pereira, ha fatto appelloai finanziatori del teatro di mantenere il loro contributoanche nel 2015, anno di Expo. Con la Scala, cui dal 1991 lafondazione Cariplo ha dato 110 milioni di euro, sono a rischioanche i finanziamenti dell'ente al Piccolo Teatro di Milano,all'Orchestra Verdi e alla fondazione Cini di Venezia. "Dapresidente della fondazione, ma conosco anche l'opinione deicolleghi della commissione centrale di beneficienza che e'quella che decide, se noi dovremo pagare 25 o 30 milioni dieuro di tasse in piu' rispetto a quanto abbiamo messo inbilancio, dovremo fare dei tagli", ha spiegato Guzzetti."Certamente - ha proseguito - non toccheremo i progetti e ibandi che vanno sul sociale, gli anziani, i disabili, ildisagio giovanile perche' la commissione centrale dibeneficenza ha gia' detto che questi non si toccano. Poi noiabbiamo un elenco di istituzioni alle quali annualmentedestiniamo delle risorse che non vanno nei bandi e certamentenoi toccheremo li'. In questo elenco - ha ribadito - ci sono laScala, il Piccolo teatro, l'orchestra Verdi e la fondazioneCini di Venezia". (AGI).