"Sanremo prenda a modello X Factor"

I pubblicitari promuovono la rosa dei 'big' ma vogliono uno show innovativo

"Sanremo prenda a modello X Factor"

Roma - La rosa dei 20 'big' di Sanremo, svelata ufficialmente ieri da Carlo Conti, entusiasma i pubblicitari. La scelta dei venti artisti piace perche' è in grado di catturare l’interesse di tutti gli ascoltatori, fattore importante per le aziende che vogliono investire in pubblicità. "Trovo che la rosa dei venti big di quest’anno abbia tutte le potenzialità per contribuire a mantenere alta l'audience per la durata delle singole serate. Questo per chi investe in pubblicità è un fattore molto importante - spiega Cesare Casiraghi, uno tra i più rappresentativi pubblicitari italiani. - Ora Sanremo dovrà dimostrare a livello di evento mediatico di essere competitivo con X Factor, che riesce a fare grandi numeri e grande spettacolo con giovani talenti, non ancora professionisti, attraverso un concept scenografico molto innovativo e comunicativo". "Mi aspetto comunque - continua il pubblicitario - un festival-show, innovativo, multi-target e soprattutto multi-piattaforma, in linea con la nuova visione di una nuova Rai introdotta del direttore generale Antonio Campo Dall'Orto".

ECCO I 20 'BIG' IN GARA

"E' noto che gli ascolti variano all'interno di una stessa puntata e certamente in tal senso sono trainati dai personaggi della canzone che il pubblico vuole sentire - spiega ancora il pubblicitario Cesare Casiraghi -. La rosa di quest' anno è secondo me anche ben studiata al fine di catturare l’interesse delle diverse fasce e tipologie di ascoltatori, dai più giovani a coloro che hanno qualche primavera in più. Sono perciò convinto che dal punto di vista delle opportunità per gli investitori pubblicitari quest'anno Sanremo sia partito bene". Cesare Casiraghi fa anche una previsione su quali saranno i big che faranno i record di ascolti: "Dovessi giocare la mia fiche su un 'numero secco' – azzarda il pubblicitario - punterei su Elio e le Storie Tese. Le loro performance, oltre che ad essere molto belle dal punto di vista canoro, sono sempre sorprendenti anche dal punto di vista scenografico. Sono curioso di vedere cosa s’inventeranno quest'anno. Ma sono sicuro che quanto faranno oltre che il picco di ascolti sarà subito‘trend-topic’ e super-viralizzato sul web". (AGI)