Russia: Confindustria studia opportunita' per food processing

(AGI) - Mosca, 5 ott. - AgroProdMash (5-9 ottobreall'Expocentre di Mosca), tra le principali fiere sulletecnologie per la lavorazione alimentare, e' stata oggi cornicedi una tavola rotonda organizzata da Confindustria Russia daltema "Agricoltura & food processing in Russia, nuove sfide edopportunita' per le partnership Russia-Italia". Come haevidenziato il presidente di Confindustria Russia, ErnestoFerlenghi, aprendo l'incontro "in questo momento in cui ilPaese sta cambiando strategia e da una parte vuole diventarepiu' indipendente dall'import estero e dall'altra investire incompetenze e capitale umano per migliorare la produzioneinterna, e' importante un confronto con

(AGI) - Mosca, 5 ott. - AgroProdMash (5-9 ottobreall'Expocentre di Mosca), tra le principali fiere sulletecnologie per la lavorazione alimentare, e' stata oggi cornicedi una tavola rotonda organizzata da Confindustria Russia daltema "Agricoltura & food processing in Russia, nuove sfide edopportunita' per le partnership Russia-Italia". Come haevidenziato il presidente di Confindustria Russia, ErnestoFerlenghi, aprendo l'incontro "in questo momento in cui ilPaese sta cambiando strategia e da una parte vuole diventarepiu' indipendente dall'import estero e dall'altra investire incompetenze e capitale umano per migliorare la produzioneinterna, e' importante un confronto con i partner dellaFederazione per capire quali possibilita' concrete si apronoper le aziende italiane". Con le importazioni dell'agroalimentare bloccate in partedall'embargo deciso da Mosca in risposta alle sanzionieconomiche occidentali e allo stesso tempo la politicadell'import-substitution adottata dal governo, il settore offreun potenziale enorme per i produttori internazionali dimacchinari per il processo alimentare, che per tradizionerappresentano una buon fetta dell'import italiano verso questoPaese. La Russia ha bisogno di sviluppare un'industria delprocesso alimentare che sia competitiva e garantisca prodottidi qualita', hanno riferito i rappresentanti del ministerodell'Agricoltura intervenuti alla tavola rotonda, spiegando iprogrammi di sussidi e investimenti (32 miliardi di euro finoal 2020) che il governo ha previsto per il settore in ogniregione e che hanno come vettori principali il settore casearioe dell'ortofrutta. (AGI)Ruy/Ila