Oscar: trionfa Birdman Julian Moore miglior attrice

(AGI) - Los Angeles, 23 feb. - Trionfa Birdman (ol'imprevedibile virtu' dell'ignoranza) alla 87esima edizionedegli Oscar del cinema, con quattro statuette su nove

(AGI) - Los Angeles, 23 feb. - Trionfa Birdman (ol'imprevedibile virtu' dell'ignoranza) alla 87esima edizionedegli Oscar del cinema, con quattro statuette su novenomination. La pellicola del 51enne regista messicano AleAlejandro G. Inarritu ha vinto come miglior film, come miglioreregia, sceneggiatura originale e miglior fotografia.

Interpretato da Micheal Keaton, il protagonista e' RigganThompson, un attore ormai in declino dopo il planetariosuccesso ottenuto con il supereroe mascherato Birdnman checerca il suo riscatto con un improbabile spettacolo a Broadway.Per Inarritu si tratta della prima statuetta della suacarriera.

Miglior attore protagonista Eddie Redmayne

E' andato ad Eddie Redmayne l'Oscar come miglior attoreprotagonista alla 87esima edizione degli Academy Award.L'attore interpreta il fisico Stephen Hawking nel film "Lateoria del tutto" di Morten Tyldum. J

Julianne Moore migliore attrice protagonista

Ha vinto la super favorita Julianne Moore l'Oscar come migliorattrice protagonista alla 87esima edizione degli Academy Award.E' stata premiata la per la sua interpretazione in "StillAlice", il film di Richard Glatzer sull'Alzheimer. "La gentemalata di Alzheimer ha bisogno di essere vista perche' occorrecercare una cura", ha detto l'attrice sul palco, ritirando ilpremio con commozione. "Ho letto un articolo in cui si dice cevincere l'Oscar allunga la vita di 5 anni - ha scherzato - see' vero vi ringrazio molto perche' mio marito e' piu' giovanedi me". Il ruolo della Moore e' quello di una professoressa dilinguistica alla Columbia alla quale viene diagnosticatol'Alzheimer.

Italia vince con Milena Canonero, e' sua IV statuetta

Nuovo trionfo per Milena Canonero, l'unica candidata italianaalla 87esima edizione degli Oscar del cinema. Ha vinto percostumi di The Grand Budapest Hotel del regista Wes Anderson.Per lei e' la quarta statuetta su nove nomination. Aveva gia'vinto il riconoscimento piu' ambito del cinema per i costumi diBarry Lyndon di Stanely Kubrick, per Momenti di Gloria di HughHudson e per Marie Antoniette di Sophia Coppola.

La torineseCanonero, classe 1946, sul palco del Dolby Theatre, ha volutocondividere il premio con il regista. "Grazie Wes questo e' perte: ci hai ispirati tutti, come un direttore d'orchestra, senzadi te non avrei potuto fare questo film in questo modo", hadichiarato sobriamente nel suo irrinunciabile look bianco enero". (AGI)