Nasce l'"Extravergine 916", l'olio con la carta d'identita'

(AGI) - Roma, 20 set. - 916 e' il peso specifico dell'olioextravergine d'oliva e da qui nasce "L'Extravergine 916", unanuova realta' che fa della varieta' e della tracciabilita' isuoi valori identitari. Avvalendosi della collaborazione conAsso.Frant.o.i, Associazione Frantoi Oleari Italiani,diramazione ufficiale di Confagricoltura, L'Extravergine 916 hacome obiettivo primario la selezione dei migliori oli extravergini di oliva italiani, la divulgazione al consumatore dellediverse peculiarita' organolettiche, nutraceutiche esalutistiche in modo tale che l'acquisto, tramite l'on-lineretailer, diventi sempre piu' consapevole. Gli esperti di L'Extravergine 916, a seguito di un'attentaanalisi, scelgono con cura i

Nasce l'"Extravergine 916", l'olio con la carta d'identita'

(AGI) - Roma, 20 set. - 916 e' il peso specifico dell'olioextravergine d'oliva e da qui nasce "L'Extravergine 916", unanuova realta' che fa della varieta' e della tracciabilita' isuoi valori identitari. Avvalendosi della collaborazione conAsso.Frant.o.i, Associazione Frantoi Oleari Italiani,diramazione ufficiale di Confagricoltura, L'Extravergine 916 hacome obiettivo primario la selezione dei migliori oli extravergini di oliva italiani, la divulgazione al consumatore dellediverse peculiarita' organolettiche, nutraceutiche esalutistiche in modo tale che l'acquisto, tramite l'on-lineretailer, diventi sempre piu' consapevole.

Gli esperti di L'Extravergine 916, a seguito di un'attentaanalisi, scelgono con cura i frantoi, seguendo tutti i processiproduttivi e verificando il rispetto dei vari parametri dieccellenza. Ogni varieta' di oliva ha un proprio precisoprofilo sensoriale, la cui composizione e il gusto dipendonomolto dal terreno, dalla sua qualita', dal clima ma anche dalletecniche di raccolta delle olive, dalla loro lavorazione econservazione oltre che dal loro imbottigliamento. In un olio extravergine di vera qualita' tutte queste fasidevono essere rese trasparenti, tenendo traccia dei varipassaggi che portano l'oliva dal moggio direttamente allatavola. Per risalire a tali informazioni, i diversi oliselezionati da L'Extravergine 916 hanno uno specifico CDIFOEVO, ovvero la propria "carta d'identita' del frantoio",(progetto finanziato dall'Unione Europea), una sorta didocumento di riconoscimento che accompagna ogni bottiglia e neracconta la storia.

La promessa di 916 e' quella di garantirel'intera filiera: dal coltivatore alla tavola. La numerazionedelle etichette permette, attraverso un codice univoco, diripercorrere il percorso dell'olio extravergine passo dopopasso, trasformando la tracciabilita' in uno strumento concretoper la tutela del consumatore. In un modo semplice e chiaro e'possibile verificare i contenuti delle analisi fatte su ognitipologia di olio extravergine di oliva, e sapere per questo dadove provengono i frutti, quali sono i parametri analitici,primo tra tutti quello di acidita', e anche quelli sensoriali. (AGI).