Musica: in Italia La Via Lattea, itinerari d'arte con Eva Wagner

(AGI) - Milano, 25 set. - La Via Lattea, il pellegrinaggiomusicale, culturale ed ecologico, ben noto in Svizzera, varcail confine e arriva in Italia, con un progetto originale ecorposo presentato a Milano dal suo ideatore, il compositoreticinese Mario Pagliarani. Per quattro domeniche, due sul lagodi Como - il 28 settembre e il 5 ottobre - e due su quello diLugano - il 12 e il 19 ottobre - i "pellegrini", cosi' vengonochiamati i partecipanti, potranno godere di concerti,spettacoli, film, letture, incontri. Con artisti di famainternazionale e la presenza di un'ospite d'eccezione

(AGI) - Milano, 25 set. - La Via Lattea, il pellegrinaggiomusicale, culturale ed ecologico, ben noto in Svizzera, varcail confine e arriva in Italia, con un progetto originale ecorposo presentato a Milano dal suo ideatore, il compositoreticinese Mario Pagliarani. Per quattro domeniche, due sul lagodi Como - il 28 settembre e il 5 ottobre - e due su quello diLugano - il 12 e il 19 ottobre - i "pellegrini", cosi' vengonochiamati i partecipanti, potranno godere di concerti,spettacoli, film, letture, incontri. Con artisti di famainternazionale e la presenza di un'ospite d'eccezione come EvaWagner, pronipote del celebre Richard e di Cosima Liszt. Laformula de La Via Lattea e' quella di un percorso con varietappe da raggiungere a piedi o con mezzi pubblici, stavolta inbattello, con incursioni nella musica, la danza, nel teatro, lapoesia, il cinema: un modo originale per riscoprire ilterritorio da una prospettiva inconsueta. "La Via Lattea -spiega Pagliarani - va considerata come una 'macrocomposizione'fatta di suoni, parole, immagini, sentieri, boschi, colline,fiumi, ponti, nuvole. E' una partitura scritta nel paesaggio,da eseguire camminando". Quattro intense giornate chetoccheranno alcuni dei luoghi piu' suggestivi del basso Lario edel Ceresio, alla scoperta del nostro territorio. Navigando fradue laghi fratelli, divisi da un confine ma figli della stessalingua madre. Inserita nel programma culturale Viavai,contrabbando culturale fra Svizzera e Italia promosso da ProHelvetia (Fondazione svizzera per la cultura) in vista di EXPO2015 a Milano, La Via Lattea 11 ruota intorno al temadell'italianita', dal Medioevo ai giorni nostri. All'Orchestradella Svizzera Italiana, diretta da Pietro Mianiti, sara'affidato il compito di concludere al Teatro Sociale di Comoquesta singolare odissea insubrica: con un concerto-spettacolo,concepito per l'occasione, dedicato a sei grandi compositoriche per ragioni diverse hanno frequentato il Lario, il Ceresioe il Verbano, in cui figura anche il celebre Idillio diSigfrido di Richard Wagner, in omaggio alla "mamma" di Sigfridoefiglia di Franz Liszt - Cosima -, che vide la luce proprio aComo nel 1837. Per l'occasione e' prevista la presenzaeccezionale di Eva Wagner, direttrice del Festival di Bayreuth,che sara' a Como anche per il riposizionamento della targacommemorativa in Piazza Cavour. Un Gran Finale che e' anche unatto simbolico, e allo stesso tempo concreto, di unione fraTicino e Lombardia, al di la' degli interessi regionalistici, eche vede nella musica una via per ritrovare l'armonia fra legenti. Il Teatro del Tempo da' la possibilita' a un certonumero di pellegrini under 30 - dieci per ogni Movimento - dipartecipare gratuitamente a La Via Lattea 11. .