Jolie-Pitt, accordo per la custodia dei sei figli

I ragazzi resteranno con la madre e continueranno le visite terapeutiche con il padre

Jolie-Pitt, accordo per la custodia dei sei figli
 Angelina Jolie e Brad Pitt

di Nuccia Bianchini

Los Angeles (California) - Angelina Jolie e Brad Pitt hanno trovato l'accordo sulla custodia dei sei figli. L'annuncio arriva dal portavoce dell'attrice: i ragazzi "rimarranno sotto la custodia della madre e continueranno le visite terapeutiche con il padre". Sarebbe la soluzione di quella che appare come la frizione più importante nel complesso divorzio della coppia, che ha un patrimonio imponente, ma sembra (almeno per il momento) incrociare le armi solo per l'affidamento dei sei figli. Fonti 'ben informate' hanno però smentito a People che ci sia stato accordo alcuno, perché Pitt punterebbe ancora all'affidamento congiunto. Jolie e Pitt avrebbero firmato l'accordo, giovandosi peraltro della consulenza di terapeuti infantili, più di una settimana fa, ha aggiunto il portavoce, senza fornire però dettagli sulle clausole.

DUE MESI FA LA ROTTURA DELLA COPPIA D'ORO DI HOLLYWOOD
Dopo oltre dieci anni insieme e appena due di matrimonio, Jolie ha chiesto il 19 settembre il divorzio da Pitt e vuole anche la custodia legale dei sei figli: tre adottati -il cambogiano Maddox, il vietnamita Pax e l'etiope Zahara- e i tre naturali, Shiloh Nouvel e i gemelli Knox e Vivienne. Un divorzio clamoroso del quale ancora non si sono chiarite le cause, il cui annuncio è arrivato all'indomani di una lite tra i due a bordo dell'aereo privato con cui la famiglia tornava in Usa dalla Francia, un litigio nel quale si sarebbe intromesso Maddox. La custodia dei figli sembra essere il maggior scoglio dell'accordo di divorzio di quella che un tempo era la 'golden couple' di Hollywood.. Pitt, che nella proposta iniziale della Jolie aveva solo il diritto di visita ai ragazzi, ha presentato il 4 novembre la sua proposta ai giudici per la custodia condivisa, fisica e legale, dei figli. Il mese scorso la coppia ha accettato un piano temporaneo che prevede sedute di counseling e visite periodiche con i ragazzi ai servizi di sostegno alla famiglia nella contea di Los Angeles, sotto la supervisione di specialisti. Secondo Tmz, il nuovo accordo sarebbe solo temporaneo e non legalmente vincolante, in attesa che gli psicoterapeuti capiscano meglio le dinamiche familiari.