Expo: Martina, gli effetti si vedranno nel tempo (2)

(AGI) - Roma, 6 ott. - Secondo Martina, "questi sei mesi cihanno detto una cosa fondamentale, cioe' che nel tempo dellaglobalizzazione l'Italia e' un Paese forse piccolo rispettoalle grandi potenze, ha pero' una potenza sul versante delladiplomazia agricola,alimentare, su alcuni temi che sarannosempre piu' importanti in futuro, pensate alla questionecruciale dell'allungamento della vita e delle tecnologienecessarie ad accompagnarlo. Noi li' abbiamo alcune esperienze,una sensibilita', un modo di fare, che sono uniche al mondo.Allora se noi intrecciamo bene l'esperienza di Expo di questisei mesi e questa prospettiva noi possiamo davvero dotare

(AGI) - Roma, 6 ott. - Secondo Martina, "questi sei mesi cihanno detto una cosa fondamentale, cioe' che nel tempo dellaglobalizzazione l'Italia e' un Paese forse piccolo rispettoalle grandi potenze, ha pero' una potenza sul versante delladiplomazia agricola,alimentare, su alcuni temi che sarannosempre piu' importanti in futuro, pensate alla questionecruciale dell'allungamento della vita e delle tecnologienecessarie ad accompagnarlo. Noi li' abbiamo alcune esperienze,una sensibilita', un modo di fare, che sono uniche al mondo.Allora se noi intrecciamo bene l'esperienza di Expo di questisei mesi e questa prospettiva noi possiamo davvero dotare ilPaese di uno strumento formidabile per i prossimi anni".Riferendosi poi alla destinazione del sito di Expo, il Ministroha detto che "l'area debba avere una coerenza strettissima conil tema della conoscenza, dell'innovazione, della tecnologia,quindi ci sta la proposta dell'Universita' Statale di Milano,ci sta la proposta di un incubatore di tecnologie dell'impresa,purche' ci sia un focus, un'identita' chiara. Noi non possiamofare un parco tecnologico generico, noi abbiamo il dovere difocalizzare i nostri sforzi su un tema di frontiera dovepossiamo fare la differenza rispetto ad altri Paesi. Seascoltate ad esempio i grandi operatori internazionali chelavorano su queste grandi piattaforme da sempre, la prima cosache dicono e' che ci vuole un'identita' chiara. Ci puo' stareovviamente un'operazione multi servizi, purche' ci sia alcentro un cuore, uno scheletro, un'anima riconoscibile. Iltitolo "Nutrire il pianeta energie per la vita" e' di unamodernita' disarmante, per certi versi, quindi io sarei moltocoerente con quello. Il Governo avra' assolutamente una partefondamentale di questo lavoro". (AGI)red/Mld