Expo: Martina, da evento soluzioni concrete per sfida fame zero

(AGI) - Rho (Milano), 4 giu. - "Garantire cibo sano allapopolazioni in crescita utilizzando meno risorse naturali". E'questa la sfida "che ne contiene molte altre" che il ministroall'Agricoltura, Maurizio Martina, ha lanciato da Expo Milano2015 aprendo il Forum Internazionale dell'Agricoltura efissando l'orizzonte dell'agire comune verso la necessita' diconcepire un nuovo rapporto tra ecologia e agricoltura, disostenere il reddito degli agricoltori familiari, di diffonderele tecnologie tra i piccoli produttori e di pensare regoleforti per garantire mercati piu' giusti. All'appuntamento chesi sta tenendo su sito espositivo, sono presenti oltre 400delegati, tra

(AGI) - Rho (Milano), 4 giu. - "Garantire cibo sano allapopolazioni in crescita utilizzando meno risorse naturali". E'questa la sfida "che ne contiene molte altre" che il ministroall'Agricoltura, Maurizio Martina, ha lanciato da Expo Milano2015 aprendo il Forum Internazionale dell'Agricoltura efissando l'orizzonte dell'agire comune verso la necessita' diconcepire un nuovo rapporto tra ecologia e agricoltura, disostenere il reddito degli agricoltori familiari, di diffonderele tecnologie tra i piccoli produttori e di pensare regoleforti per garantire mercati piu' giusti. All'appuntamento chesi sta tenendo su sito espositivo, sono presenti oltre 400delegati, tra i quali 50 ministri, provenienti da oltre 115Paesi, insieme al direttore generale della Fao, Graziano DaSilva, e al commissario europeo all'agricoltura, Phil Hogan.Alla platea, che comprende anche 27 Stati che non partecipano aExpo, Martina ha riportato l'obiettivo di "azzerare fame neiprossimi 15 anni". "Vogliamo essere la generazione 'fame zero'- ha detto il ministro - e la realizzazione di questaaspirazione passa necessariamente per il ruolo cruciale chedeve giocare l'agricoltura. L'agricoltura - ha spiegato -rappresenta per centinaia di milioni di piccoli agricoltori eintere comunita' un'opportunita' di crescita economica, direddito, di accesso a nuovi diritti". Martina ha postol'accento sull'importanza di "partire dai piccoli produttorisostenendo il loro reddito e trasferendo conoscenza, perche' -ha chiarito - siano piu' forti e piu' produttivi. In questi seimesi - ha aggiunto Martina - Expo Milano deve aiutarci acostruire soluzioni concrete" per "cancellare la fame, lapoverta' e la malnutrizione, combattere il cambiamentoclimatico, tutelare beni comuni come acqua, terra ebiodiversita' e ridurre gli sprechi lungo le filierealimentari. Il percorso di Expo a ha concluso il ministro -deve aiutarci a tracciare contenuti e tempi con cui riempirequesti ambiti da impegno e contribuire all'affermazione divalori e pratiche per un futuro piu' equo, piu' giusto e piu'sostenibile". (AGI)Mi5/Car