Domini Settore Vino: Federdoc, accordo soddisfa le parti

(AGI) - Roma, 23 giu. - E' questione di attendere poco tempoormai per conoscere i termini ufficiali dell'accordo raggiuntotra le parti su termini e condizioni finalmente accettate datutti gli attori coinvolti. Un accordo che vede sciolte leproblematiche che hanno visto negli ultimi due annicontrapposti la Comunita' Europea, EFOW Federazione Europea deiVini a Denominazione di Origine e ICANN (proprietaria deidomini). Prima fra tutte l'utilizzo dei nomi di dominio in modosicuro. La risoluzione amichevole del contrasto ha permesso a Donuts di poter firmare il Registry Agreement per disporre deidomini ".wine" e ".vin""L'accordo,

(AGI) - Roma, 23 giu. - E' questione di attendere poco tempoormai per conoscere i termini ufficiali dell'accordo raggiuntotra le parti su termini e condizioni finalmente accettate datutti gli attori coinvolti. Un accordo che vede sciolte leproblematiche che hanno visto negli ultimi due annicontrapposti la Comunita' Europea, EFOW Federazione Europea deiVini a Denominazione di Origine e ICANN (proprietaria deidomini). Prima fra tutte l'utilizzo dei nomi di dominio in modosicuro. La risoluzione amichevole del contrasto ha permesso a Donuts di poter firmare il Registry Agreement per disporre deidomini ".wine" e ".vin""L'accordo, oltre a soddisfare le esigenze delle parti in causa- ha sottolineato Riccardo Ricci Curbastro, Presidente di diEFOW e Federdoc, la Confederazione italiana che ha avuto unruolo di primo piano nella risoluzione del problema - avra'un ruolo chiave per garantire ai consumatori e al settorevitivinicolo degli strumenti idonei per la lotta alcybersquatting e alle pericolose confusioni sia per glioperatori che soprattutto per i consumatori. Una conquista chepone le basi ottimali per lo sviluppo di un mercato onlineoperante in un clima di ritrovata fiducia. Ed e' importantesottolineare come, al centro dei negoziati, ci sia sempre statol'interesse del settore vitivinicolo mondiale".(AGI) Bru

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it