Crisi: Coldiretti, due italiani su tre tagliano sulla spesa

(AGI) - Roma, 11 lug. - I poveri sono la punta di un icebergdelle difficolta' provocate dalla crisi con 2 italiani su 3 (65per cento) che hanno ridotto la quantita' o ha tagliato sullaqualita' della spesa per alimenti nel 2013. E' quanto affermala Coldiretti nel commentare i dati della Caritas sullapoverta'. Gli acquisti di prodotti alimentari nel 2013 sonodiminuiti del 3 per cento dall`inizio della crisi nel 2008, ma- sottolinea la Coldiretti - e' nel 2014 che si e' toccato ilfondo con le famiglie che hanno detto addio dalla pasta (-5 per

(AGI) - Roma, 11 lug. - I poveri sono la punta di un icebergdelle difficolta' provocate dalla crisi con 2 italiani su 3 (65per cento) che hanno ridotto la quantita' o ha tagliato sullaqualita' della spesa per alimenti nel 2013. E' quanto affermala Coldiretti nel commentare i dati della Caritas sullapoverta'. Gli acquisti di prodotti alimentari nel 2013 sonodiminuiti del 3 per cento dall`inizio della crisi nel 2008, ma- sottolinea la Coldiretti - e' nel 2014 che si e' toccato ilfondo con le famiglie che hanno detto addio dalla pasta (-5 percento) all`extravergine (-4 per cento), dal pesce (-7 percento) alla verdura fresca (-4 per cento) nei primi due mesirispetto allo stesso periodo del 2013. Gli italiani nei primianni della crisi - precisa la Coldiretti - hanno rinunciatosoprattutto ad acquistare beni non essenziali,dall`abbigliamento alle calzature, ma poi hanno iniziato atagliare anche sul cibo. Piu di otto italiani su dieci (81 percento) - conclude la Coldiretti - non buttano il cibo scadutocon una percentuale che e aumentata del 18 per centodall'inizio del 2014, secondo Waste watcher knowledge for Expo.(AGI)Red/Pgi