Coldiretti, riconoscere arte pizza patrimonio Unesco

(AGI) - Pescara, 20 nov. - Ha preso il via oggi a Pescara,negli spazi del mercato Campagna amica della Coldiretti, laraccolta firme per sostenere la candidatura dell'arte dellapizza quale patrimonio culturale immateriale dell'Unesco. Perlanciare la petizione, la Coldiretti di Pescara ha organizzatonella struttura di via Paolucci una tre giorni dedicata allapizza made in Italy, che ha visto la partecipazione delConsorzio agrario Abruzzo e Molise, della Camera di Commerciodi Pescara, del Comune e della Accademia Pizzaioli chefitaliani. Sono state preparate e offerte ai clienti del mercatodiverse pizze, tutte con ingredienti abruzzesi,

(AGI) - Pescara, 20 nov. - Ha preso il via oggi a Pescara,negli spazi del mercato Campagna amica della Coldiretti, laraccolta firme per sostenere la candidatura dell'arte dellapizza quale patrimonio culturale immateriale dell'Unesco. Perlanciare la petizione, la Coldiretti di Pescara ha organizzatonella struttura di via Paolucci una tre giorni dedicata allapizza made in Italy, che ha visto la partecipazione delConsorzio agrario Abruzzo e Molise, della Camera di Commerciodi Pescara, del Comune e della Accademia Pizzaioli chefitaliani. Sono state preparate e offerte ai clienti del mercatodiverse pizze, tutte con ingredienti abruzzesi, dalla patate diAvezzano allo zafferano di Navelli, dalla ventricina vastesealla scamorza dei caseifici locali, per finire con il pesce.Tra gli stand allestiti per l'occasione quello della birraagricola di Pianella e quello del vino nuovo. C'era, tra glialtri, il presidente regionale Domenico Pasetti, il quale hasottolineato che "il valore della pizza e' importantissimo delmondo, pur trattandosi di un prodotto povero" e si trattadell'alimento "piu' copiato e piu' sofisticato. Spesso c'e'solo il nome italiano della pizza, ma tutto il resto non arrivadal nostro Paese, e si pensi alla mozzarella o alla farina - haproseguito Pasetti. Quella, pero', non e' una pizza italiana.Ecco perché vogliamo tutelare questo patrimonio culturale,questo emblema del nostro Paese che gira nel mondo. Il rischioche si corre e' di perdere delle opportunita', ancheeconomiche, e a questo proposito non bisogna dimenticare che lapizza e l'agroalimentare sono una fetta importante del Made inItaly". Per sostenere la petizione e sollecitare l'apposizionedi firme, anche domani e dopodomani saranno organizzati degliaperi-pizza nel mercato Pescarese. (AGI)Pe1/Bru