All'asta telegramma di John Lennon: si scuso' per un pugno

(AGI) - Roma, 21 nov - E' sicuramente tra i memorabili beatlesiani piu' curiosi, tra quelli che saranno offerti ilmese prossimo all'asta, il telegramma col quale John Lennon siscuso' per il pugno in faccia che aveva tirato ad un DJ.L'episodio si verifico' nel 1963, durante la festa per ilventunesimo compleanno di Paul McCartney. John, che avevaalzato un po' il gomito, se la prese con Bob Wooler, un discjockey che aveva lavorato al leggendario Cavern Club diLiverpool, e gli rifilo' un cazzotto in un occhio. Iltelegramma di mezzo secolo fa recita: "Really sorry

(AGI) - Roma, 21 nov - E' sicuramente tra i memorabili beatlesiani piu' curiosi, tra quelli che saranno offerti ilmese prossimo all'asta, il telegramma col quale John Lennon siscuso' per il pugno in faccia che aveva tirato ad un DJ.L'episodio si verifico' nel 1963, durante la festa per ilventunesimo compleanno di Paul McCartney. John, che avevaalzato un po' il gomito, se la prese con Bob Wooler, un discjockey che aveva lavorato al leggendario Cavern Club diLiverpool, e gli rifilo' un cazzotto in un occhio. Iltelegramma di mezzo secolo fa recita: "Really sorry Bobterribly worried to realise what I had done stop what more canI say = John Lennon". Dean Harmeyer della casa d'aste HeritageAuctions ha detto: "Probabilmente fu il manager dei Beatles,Brian Epstein, a suggerire a John di spedire il telegramma perscusarsi". La vendita si terra' il prossimo 6 dicembre aDallas, Texas.(AGI).