Perché tutti parlano ancora di Romina e Al Bano (e della Lecciso)

Una storia d'amore che appassiona gli italiani da quasi mezzo secolo e in cui il confine tra sentimento e business è molto labile

al bano romina lecciso
 Oggi
 Al Bano e Romina sulla copertina di Oggi

Galeotto fu il mercatino di Natale. Se galeotto qualcosa può ancora essere per una coppia che sta insieme da quasi mezzo secolo. Perché anche se uno dei due, nel frattempo, per 18 anni è stato sposato con un'altra donna, Al Bano e Romina Power sono sempre stati una coppia. Almeno nell'immaginario collettivo. E, come nelle favole o nelle commedie hollywoodiane, alla fine l'immaginario collettivo ha avuto la meglio e ha stabilito che il matrimonio del cantante pugliese con Loredana Lecciso aveva fatto il suo tempo e che era ora di ristabilire la verità storica: l'unica vera compagna di Al Bano è Romina. Il risultato? La Lecciso se n'è andata sbattendo la porta, rassegnata all'inevitabile: suo marito ama ancora l'ex moglie.

Troppo complicato? Ma no, più semplice di quanto sembra. Il 12 dicembre, ricostruisce il settimanale Oggi, da Amburgo (dove si trovavano per un concerto) Romina posta foto di lei e Al Bano in giro per mercatini di Natale tra cuori e frasi d’amore. In quei giorni Loredana Lecciso è tra Milano e Pavia (dove vive suo fratello) e decide di restarci. Poi l'escalation, con il Natale e il Capodanno da separati, e le mancate risposte chiare di Al Bano: mentre un paio di mesi fa aveva dichiarato "Amo Lory, chiedo rispetto per la nostra famiglia", oggi preferisce tagliare corto: "Non voglio entrare in questa bolgia".

Secondo Oggi, la decisione della Lecciso è anche a difesa dei figli Jasmine e Bido:  hanno 16 e 15 anni, stanno sui social, guardano la tv e leggono i giornali. Traducendo: subiscono questi exploit, i messaggi trasversali, le foto postate solo per sfruculiare nervi e rancori. Li subiscono tre volte: quando li vivono in casa, quando diventano argomenti da talk e quando uscendo di casa hanno conferma che sì, tutti ne parlano. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it