Agroalimentare: Bolzonello, "Frutticoltura deve crescere in FVG"

(AGI) - Spilimbergo (Pn), 25 mar. - Favorire i processi diaggregazione tra i produttori, l'innovazione, l'affermazionedella qualita' anche attraverso la certificazione delleeccellenze che nel Friuli Venezia Giulia sono insite nelsettore; questo il percorso che secondo il vicepresidente eassessore alle Risorse rurali del Friuli Venezia Giulia SergioBolzonello, la frutticoltura dovra' seguire per puntare allosviluppo e a una maggiore redditivita'. Il percorso sara' sostenuto dalle misure previste dal nuovoProgramma di sviluppo rurale (Psr), ormai in dirittura diarrivo, e rispetto al quale gia' dalla prossima estate sara'possibile accedere ai bandi per ottenere i

(AGI) - Spilimbergo (Pn), 25 mar. - Favorire i processi diaggregazione tra i produttori, l'innovazione, l'affermazionedella qualita' anche attraverso la certificazione delleeccellenze che nel Friuli Venezia Giulia sono insite nelsettore; questo il percorso che secondo il vicepresidente eassessore alle Risorse rurali del Friuli Venezia Giulia SergioBolzonello, la frutticoltura dovra' seguire per puntare allosviluppo e a una maggiore redditivita'. Il percorso sara' sostenuto dalle misure previste dal nuovoProgramma di sviluppo rurale (Psr), ormai in dirittura diarrivo, e rispetto al quale gia' dalla prossima estate sara'possibile accedere ai bandi per ottenere i finanziamentiprevisti. L'occasione e' stata fornita a Bolzonello dal convegno'Fruttilcoltura duemilaventi: scelte innovative', organizzato,a Spilimbergo, dalla cooperativa Friulfruct, in collaborazionecon la Regione e con il Comune di Spilimbergo. Bolzonello, nel rilevare che Friulfruct si sta impegnandoper favorire l'aggregazione dei produttori, ha ribadito che, almomento, nel Friuli Venezia Giulia mancano impianti ditrasformazione dei prodotti della frutticoltura il chedetermina una riduzione del valore aggiunto garantito daiproduttori della nostra Regione. In particolare, negli ultimi dieci anni, la frutticolturadel Friuli Venezia Giulia ha perso il 42 per cento delleaziende. Anche per questo motivo, e' la tesi di Bolzonello,occorre ora favorire la specializzazione delle aziende, esostenere un processo di filiera che consenta al settore diaffrontare con efficacia le sfide dei mercati. Il Piano si sviluppo rurale (Psr) 2014/2020, ha rilevatoinfine il vicepresidente, e' stato predisposto tenendo conto diqueste necessita' e di tali prospettive. (AGI) Ts2/Bru