Agricoltura: Toti, con nuovo Psr 314 mln per Liguria

(AGI) - Genova, 6 ott. - "Si tratta di investimenti importantiper la nostra terra, per valorizzare le eccellenzeagroalimentari regionali, per implementare il rapporto traagricoltura, turismo e sviluppo, per salvaguardare evalorizzare quei territori che, come dimostra anche il pianodell'assessore Edoardo Rixi sulla tutela delle botteghe e deipiccoli borghi dell'entroterra, sono al centro dell'azione diquesta maggioranza e di questa giunta". E' il commento delPresidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, dopol'approvazione da parte della Commissione europea del nuovoprogramma di sviluppo rurale (Psr) per la Regione Liguria chepotra' contare su quasi 314 milioni

(AGI) - Genova, 6 ott. - "Si tratta di investimenti importantiper la nostra terra, per valorizzare le eccellenzeagroalimentari regionali, per implementare il rapporto traagricoltura, turismo e sviluppo, per salvaguardare evalorizzare quei territori che, come dimostra anche il pianodell'assessore Edoardo Rixi sulla tutela delle botteghe e deipiccoli borghi dell'entroterra, sono al centro dell'azione diquesta maggioranza e di questa giunta". E' il commento delPresidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, dopol'approvazione da parte della Commissione europea del nuovoprogramma di sviluppo rurale (Psr) per la Regione Liguria chepotra' contare su quasi 314 milioni di euro, di cui 135 difondi Ue e 179 di cofinanziamento nazionale e che coinvolgera'1450 agricoltori di cui 560 giovani. Il governatore ligure e'volato al Parlamento Europeo di Strasburgo per incontrare ilcommissario all'Agricoltura, Phill Hogan con cui "concordarenel dettaglio le fasi di attuazione del programma - ha spiegatoToti - e le prospettive per la Liguria". Con il presidentedella Regione Liguria c'e' anche l'assessore all'AgricolturaStefano Mai che si e' dichiarato estremamente soddisfatto dellavoro svolto dagli uffici regionali specie da luglio ad oggi."Siamo riusciti a sbloccare - ha spiegato Mai - una situazioneincancrenita da diversi mesi. In effetti il piano parte con unritardo notevole ma da meta' luglio c'e' stato un notevolecambio di passo ed ora siamo finalmente giunti a questafatidica ed agognata approvazione. Secondo la tabella di marciache ci siamo prefissati, i bandi usciranno a novembre mentre aluglio, quando mi sono preso carico della pratica, laprospettiva era di avere i bandi nel 2016. Questi fondi, inparte regionali per il 17 per cento pari a 56 milioni di euro,daranno una boccata di ossigeno al comparto agricolo nel suoinsieme e saranno anche un importante canale di sviluppo per icomuni dell'entroterra. E' un'occasione da non sprecare e credoche lavorando sinergicamente - ha concluso - potremmo otteneregrandi risultati in termini di sviluppo del territorio".(AGI) Ge2/Bru