Agricoltura: Cecchini (Umbria), futuro parte da solide basi

(AGI) - Perugia, 25 giu. - "L'Umbria costruisce il futurodell'agricoltura per i prossimi cinque anni partendo da solidebasi: da una parte i frutti del lavoro svolto e degliinvestimenti del precedente Programma di sviluppo rurale per lacompetitivita' delle imprese agricole e agroalimentari,l'innalzamento della qualita' delle produzioni e la diffusionedi una rete di servizi sul territorio rurale e dall'altra lasicurezza che ci deriva dall'approvazione del nuovo Programmadi sviluppo rurale, con una maggiore dotazione finanziariarispetto a quello che si conclude". L'assessore regionale allePolitiche agricole Fernanda Cecchini, alla sua prima uscitapubblica dopo le

(AGI) - Perugia, 25 giu. - "L'Umbria costruisce il futurodell'agricoltura per i prossimi cinque anni partendo da solidebasi: da una parte i frutti del lavoro svolto e degliinvestimenti del precedente Programma di sviluppo rurale per lacompetitivita' delle imprese agricole e agroalimentari,l'innalzamento della qualita' delle produzioni e la diffusionedi una rete di servizi sul territorio rurale e dall'altra lasicurezza che ci deriva dall'approvazione del nuovo Programmadi sviluppo rurale, con una maggiore dotazione finanziariarispetto a quello che si conclude". L'assessore regionale allePolitiche agricole Fernanda Cecchini, alla sua prima uscitapubblica dopo le elezioni, ha rimarcato cosi' l'importanza deirisultati conseguiti e della programmazione futura intervenendooggi alla seduta annuale del Comitato di sorveglianza delProgramma di sviluppo rurale 2007-2013. "La Regione Umbria - haspiegato Cecchini - e' fra le prime cinque alle quali fra finemaggio e giugno la Commissione europea ha approvato ilProgramma di sviluppo rurale. Forti di questo e prendendo adesempio il percorso svolto fino ad oggi, siamo nelle miglioricondizioni per guardare al futuro". Cecchini ha rimarcato come"nel 2014 e nel primo semestre del 2015 e' stata impressaun'accelerazione all'attivita' legata al Psr per garantire lapiena efficacia e il completo impiego di tutte le risorsepubbliche". "e' necessario - ha proseguito - ancora mettere inatto ogni possibile azione per la massima utilizzazione dellerisorse assegnate che sono pagabili da Agea, l'organismopagatore del Psr, entro il 31 dicembre 2015. Ma allo stessotempo - ha concluso - abbiamo gia' attivato i bandi della nuovaprogrammazione a sostegno degli investimenti che migliorano leprestazioni e la competitivita' delle imprese agricole eagroalimentari, e quelli che riguardano premi per impegniambientali, biologico, benessere animale, indennita'compensative per zone montane e svantaggiate e che l'Umbria e'al momento l'unica ad aver attivato completamente". (AGI) Pg1/Bru

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it