Agricoltura: Bolzonello, 10 mln euro l'anno per impianti irrigui

(AGI) - Trieste, 11 set. - L'assessore all'Agricoltura SergioBolzonello, nel corso della visita all'essicatoio cooperativoTorricella di San Vito al Tagliamento, ha confermato l'impegnodella Regione a favore dello sviluppo del comparto agricolo.Bolzonello ha ricordato in particolare la convenzione da pocostipulata con Mediocredito per sostenere il settore ed ilsupporto dato alle aggregazioni che compongono una filieraproduttiva e puntano sui marchi di qualita' e sullecertificazioni di sicurezza alimentare. Ribadendo la disponibilita' ad ogni confronto utile nelpercorso avviato con il Piano di Sviluppo rurale/Psr, ilvicepresidente della Regione ha ribadito l'intenzione dimettere a disposizione

(AGI) - Trieste, 11 set. - L'assessore all'Agricoltura SergioBolzonello, nel corso della visita all'essicatoio cooperativoTorricella di San Vito al Tagliamento, ha confermato l'impegnodella Regione a favore dello sviluppo del comparto agricolo.Bolzonello ha ricordato in particolare la convenzione da pocostipulata con Mediocredito per sostenere il settore ed ilsupporto dato alle aggregazioni che compongono una filieraproduttiva e puntano sui marchi di qualita' e sullecertificazioni di sicurezza alimentare. Ribadendo la disponibilita' ad ogni confronto utile nelpercorso avviato con il Piano di Sviluppo rurale/Psr, ilvicepresidente della Regione ha ribadito l'intenzione dimettere a disposizione del comparto 10 milioni di euro l'annoper impianti irrigui nel corso del prossimo triennio, una postache, sempre nello stesso periodo, potrebbe raddoppiare grazieall'aggiunta di fondi statali e comunitari. Oltre a svolgere lapropria attivita' (200mila quintali di lavorato l'anno),l'essicatoio di Torricella ha messo a punto un impianto abiogas, al momento unico in Italia e probabilmente in Europa,che produce energia utilizzando i resti della lavorazione dialtri essicatoi regionali e farine cereali non alimentari (160quintali al giorno per una produzione giornaliera di 24 milaKw). Al funzionamento dell'impianto contribuiscono, conl'essicatoio di Fagagna, quelli di Pavia/Pieris (1 milione diquintali lavorati l'anno per un fatturato di circa 20 milionidi euro), di Remanzacco (piu' o meno un milione di quintalilavorati per un fatturato di 15-17 milioni l'anno), di Rivolto(400mila quintali lavorati per un fatturato di 7 milioni).Realta' economiche importanti, che "raccolgono" oltre il 50%delle produzioni cerealicole della Regione. (AGI)