50 studenti La Sapienza al Solar Decathlon Middle East

(AGI) - Dubai, 13 ott. - L'Universita' La Sapienza di Roma e' stata ammessa nel ...

(AGI) - Dubai, 13 ott. - L'Universita' La Sapienza di Roma e' stata ammessa nel ristretto gruppo internazionale di 22 atenei che per due anni competeranno al Solar Decathlon Middle East 2018 di Dubai, il concorso biennale internazionale di architettura, design, progettazione e ingegneria, che mira a sviluppare innovazione, conoscenza e ricerca nel campo delle energie rinnovabili e dell'architettura sostenibile. Ospitato per la prima volta in Medio Oriente, pone come ulteriore sfida le difficili condizioni climatiche locali, caratterizzate da valori di temperatura ed umidita' estremamente elevati.
Sono 50 gli studenti dell'ateneo romano chiamati a realizzare il prototipo innovativo di una abitazione domotica interamente alimentata dall'energia solare. I team universitari in gara, provenienti da 16 diversi Paesi del mondo, sono stati selezionati da una giuria internazionale a seguito di un rigoroso processo tecnico durato oltre 3 mesi. A partire da novembre gli studenti della Sapienza cominceranno a lavorare alla loro "casa", presso il Centro CEFME-CTP di Pomezia, sotto lo sguardo attento del loro coordinatore, Marco Casini, docente di Tecnologia dell'architettura e di Certificazione ambientale degli edifici presso la facolta' di Architettura.
"Il nostro progetto, ReStart_4Smart, mettera' a frutto le piu' avanzate tecnologie per la progettazione e la costruzione di un'abitazione in grado di rispondere alle esigenze di efficienza, funzionalita', comfort ed economicita': una casa smart, sostenibile e del tutto autonoma, che puntera' su "shape, envelope, systems e people", ha spiegato Casini. "Per realizzare tutto questo stiamo facendo partire un nuovo appello tra i nostri migliori studenti con competenze sia in architettura, sia nei campi dell'ingegneria, dell'economia e della comunicazione. Realizzare una casa su misura ed efficiente richiede infatti un approccio multidisciplinare".
Alla fine del biennio, il prototipo di abitazione sara' trasportato a Dubai nel luogo della competizione dove, perfettamente funzionante, sara' aperto al pubblico e valutato da una giuria internazionale sulla base di 10 criteri: la qualita' architettonica, il sistema costruttivo, l'efficienza energetica, il comfort interno, la funzionalita' delle apparecchiature, l'integrazione con la mobilita' elettrica, la sostenibilita' ambientale, l'uso della vegetazione, l'innovazione tecnologica e l'efficacia nella comunicazione. (AGI)
.