Su Facebook tolleranza zero contro il terrorismo

Il social network fondato da Zuckerberg mette in campo un blog, una squadra e un algoritmo

Su Facebook tolleranza zero contro il terrorismo

Si chiama "Hard Questions" il blog aperto da Facebook nella battaglia avviata contro il terrorismo e l'uso distorto del social network a fini di comunicazione o proselitismo dei gruppi estremisti.

I terroristi non avrannno cittadinanza su Facebook. Facile da dire, molto meno da fare ma il social network ha cominciato a lavorarci con decisione. Per prima cosa, un lungo post spiega "Cosa facciamo contro il terrorismo". "Sulla scia dei recenti attacchi terroristici, le persone hanno messo in discussione il ruolo delle compagnie tecnologiche nella lotta al terrorismo online. Vogliamo rispondere a queste domande. Siamo d'accordo con quelli che dicono che i social media non dovrebbero essere un luogo in cui i terroristi hanno una voce. Vogliamo essere molto chiari come ci prendiamo seriamente - mantenere la nostra comunità sicura su Facebook è fondamentale per la nostra missione".

 

I post segnalati come sospetti di finalità o comunicazioni fra i terroristi vengono "analizzati con la massima rapidità e profondità" per poi cancellarli. "Facebook può essere una soluzione" scrivono Monika Bickert, direttore della Global Policy Management, e Brian Fishman, Counterterrorism Policy Manager.

L'annucnio di Zuckerberg

Sul suo profilo Facebook, il fondatore ha annunciato: "Stiamo mettendo in piedi uno strumento di intelligenza artificiale che ci consenta di trovare in modo veloce contenuti ed account legati al terrorismo".

"La nostra posizione sul terrorismo è abbastanza chiara: il terrorismo non deve aver post in alcun luogo, né su Facebook né altrove su Internet. E' una cosa che prendiamo molto sul serio. Il problema è come combattere efficacemente il terrorismo e al tempo stesso proteggere la privacy della gente", sottolinea Zuckerberg, che spiega quali passi concreti stia facendo in questo senso Facebook. "Abbiamo team che valutano le informazioni riferite a post che sostengono il terrorismo: cerchiamo di rimuovere questi ultimi il più velocemente possibile. Nei casi rari in cui ci accorgiamo che la minaccia è imminente, mettiamo a conoscenza di questa le forze dell'ordine".

Per far questo, Zuckerberg chiede la collaborazione degli utenti. "E' un sistema questo, che confida sulla gente, e sulla sua disponibilità a dirci dei contenuti terroristici che vedono. Questa cosa funziona proporzionalmente alle informazioni che riceviamo". Facebook cercherà di filtrare post, foto, immagini servendosi di algoritmi, con la consapevolezza che tutto ciò potrebbe limitare la libera espressione di pensieri e opinioni. "E' un dibattito che durerà anni - conclude Zuckerberg - ma nel caso del terrorismo credo che la sicurezza della nostra comunità sia un argomento forte, e per questa vogliamo impegnarci".