Vaccini: Bambino Gesu', calo e' responsabile malattie debellate

(AGI) - Roma, 5 ott. - "Il calo delle coperture vaccinali e'responsabile dei numerosi casi di morbillo e della presenza dimalattie che potevano gia' essere debellate come ad esempio lapertosse, alla causa del decesso di alcuni lattanti". A parlaree' Alberto Villani, responsabile della pediatria generale emalattie infettive dell'Ospedale pediatrico 'Bambino Gesu'' checondivide le preoccupazioni lanciate dal presidentedell'Istituto Superiore di Sanita', Walter Ricciardi, alla lucedei recenti dati forniti sul calo delle vaccinazioni epubblicati dal Ministero della Salute. "I dati pubblicati dalministero della Salute - spiega Alberto Villani - siriferiscono alle

(AGI) - Roma, 5 ott. - "Il calo delle coperture vaccinali e'responsabile dei numerosi casi di morbillo e della presenza dimalattie che potevano gia' essere debellate come ad esempio lapertosse, alla causa del decesso di alcuni lattanti". A parlaree' Alberto Villani, responsabile della pediatria generale emalattie infettive dell'Ospedale pediatrico 'Bambino Gesu'' checondivide le preoccupazioni lanciate dal presidentedell'Istituto Superiore di Sanita', Walter Ricciardi, alla lucedei recenti dati forniti sul calo delle vaccinazioni epubblicati dal Ministero della Salute. "I dati pubblicati dalministero della Salute - spiega Alberto Villani - siriferiscono alle vaccinazioni esavalenti, da somministrarsi nelprimo anno di vita, che con un'unica iniezione permettono diproteggersi da difterite, tetano, pertosse, poliomelite,epatite B e malattie come la meningite causata da Haemophilus.La copertura vaccinale insufficiente riguarda anche quellacontro morbillo, rosolia e parotite". "Senza le vaccinazioni - precisa Villani - ci troviamo adover fronteggiare di nuovo queste malattie, che invecesarebbero facilmente prevenibili. Ad esempio osserviamoepidemie di pertosse, morbillo. Oltre al ritorno, in Europa, dialcune malattie che erano state debellate da molti anni, comead esempio la poliomielite". I dati dell'Iss indicano un tassodi vaccinazioni al di sotto degli obiettivi minimi previsti dalprecedente piano. Scendono, infatti, al di sotto del 95% levaccinazioni per poliomielite, tetano, difterite ed epatite B ela percentuale cala ulteriormente per le vaccinazioni contro ilmorbillo, la parotite e la rosolia che raggiunge una coperturadell'86%, diminuendo di oltre 4 punti percentuali". (AGI).