Universita': da Statale Milano laurea a 3 preti strada con Grasso

(AGI) - Milano, 4 dic. - Con il conferimento di tre laureemagistrali honoris causa, a don Ciotti, don Colmegna e donRigoldi, si e' aperto l'anno accademico 2014-2015dell'Universita' Statale di Milano. Alla cerimonia eranopresenti anche il sindaco di Milano Giuliano Pisapia e ilpresidente del senato Pietro Grasso che ha dedicato qualcheparola ai suoi "tre amici" come li ha definiti. "Una laurea atre testimoni del loro tempo - ha detto Grasso - . Abbiamobisogno di persone come loro. Persone che con il loro senso diresponsabilita' e il loro spirito etico danno l'esempio alle

(AGI) - Milano, 4 dic. - Con il conferimento di tre laureemagistrali honoris causa, a don Ciotti, don Colmegna e donRigoldi, si e' aperto l'anno accademico 2014-2015dell'Universita' Statale di Milano. Alla cerimonia eranopresenti anche il sindaco di Milano Giuliano Pisapia e ilpresidente del senato Pietro Grasso che ha dedicato qualcheparola ai suoi "tre amici" come li ha definiti. "Una laurea atre testimoni del loro tempo - ha detto Grasso - . Abbiamobisogno di persone come loro. Persone che con il loro senso diresponsabilita' e il loro spirito etico danno l'esempio allegiovani generazioni per cambiare il paese". Anche il primocittadino ha detto di considerare queste lauree come "unsimbolo per la citta'. E' la dimostrazione che c'e' la vogliadi coinvolgere la citta' civile e i giovani". La scelta diconferire le lauree in Comunicazione pubblica e di impresa aitre 'preti di strada' conclude un anno di eventi per i 90 annidella Statale svoltisi all'insegna di un obiettivo posto dalRettore Gianluca Vago meno di un anno fa: la riaffermazionedella responsabilita' educativa dell'Universita', del valore"civile" della sua funzione e del suo irrinunciabile impegnoanche nella promozione del progresso sociale e morale delPaese. "Don Ciotti, don Colmegna e don Rigoldi - si legge nelladelibera con cui il Senato accademico dell'Ateneo ha approvatole lauree - hanno usato l'azione coraggiosa e il potere dellaparola per costruire una realta' sociale piu' avanzata e piu'giusta: per educare, per difendere, per costruire cultura esenso comune senza avere a disposizione i mezzi dellacomunicazione di massa. E anche per fare vincere sfidedifficili alle imprese che hanno creato o contribuito a creare:da quelle sorte sui beni confiscati alle organizzazioni mafiosefino alle cooperative di servizio che hanno dato lavoro agiovani svantaggiati o emarginati." Il Rettore della Statale,Gianluca Vago, spiega con queste parole il senso della scelta:"Abbiamo voluto riconoscere e premiare il loro prolungato estraordinario impegno in favore dei diritti dei piu' deboli,della costruzione di relazioni sociali piu' eque edell'educazione alla legalita' costituzionale. Don Ciotti, DonColmegna e Don Rigoldi, testimoniano, nella concretezza delloro operare, un'identita' valoriale che va ripresa econsolidata, e alla cui salvaguardia anche l'Universita' e'chiamata con forza a contribuire." La Laudatio e' stataaffidata a Nando Dalla Chiesa: "Con queste lauree l'Universita'intende riportare alla sua funzione piu' nobile l'arte dellacomunicazione, restituire alla parola la sua forza generatricedi crescita civile, in una societa' che spesso vede lacomunicazione come disciplina asettica o addirittura comestrumento di manipolazione." (AGI).