Il preservativo 'intelligente' è un gioiello tecnologico, ma siete sicuri di volerlo?

Misura tutto e scarica i dati sullo smartphone. Protegge dalla malattie veneree. Già ordinati 900 mila pezzi

Il preservativo 'intelligente' è un gioiello tecnologico, ma siete sicuri di volerlo?

Il terzo incomodo sotto le lenzuola è il preservativo intelligente, il regalo di Natale che nessun uomo – o quasi – vorrebbe. Da poco sul mercato a 59,99 sterline 70 euro), i.Con Smart Condom – questo il nome del dispositivo creato da una società britannica – è in grado di dire, dati alla mano, se avete fatto una buona performance o meno. Come? Misurando le calorie consumate durante l’atto, la durata, il numero di spinte, la velocità media e i picchi, la frequenza di rapporti e la circonferenza del pene. I creatori stanno lavorando inoltre a una nuova versione che consenta di tracciare anche la posizione assunta.

Il preservativo 'intelligente' è un gioiello tecnologico, ma siete sicuri di volerlo?
 smart condom

Come si usa

Più che un preservativo è un anello di gomma che si infila alla base del pene e dotato di microchip e sensori che, attraverso il Bluetooth o il wifi, invia le informazioni all’apposita app da scaricare sullo smartphone. I dati poi, nemmeno a dirlo, sono condivisibili sui social network in forma anonima o esplicita, per la gioia dei più esibizionisti (e assai poco eleganti) ‘maschi alfa’. Intanto l’azienda ha già ricevuto 900 mila pre-ordini in tutto il mondo.

Un detective contro le malattie veneree

Ma non è solo una questione di vanità, spiega il portavoce della società British Condoms: “Se i.Con rileva un’infezione a trasmissione sessuale, come la clamidia o la gonorrea, emette una luce rossa LED”.

Tutti numeri di i.Con

Leggero e lavabile, realizzato in gomma sintetica e con una fibra di carbonio, i.Con ricorda nell’aspetto uno pneumatico. Il dispositivo, riporta la scheda del prodotto, ha un’autonomia di 6-8 ore e deve essere ricaricato tramite porta microUSB. L’anello non sostituisce il preservativo ma possono essere indossati l’uno sull’altro, precisa l’azienda.

 

 

 

 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it