Salute: ministero Lavoro, test sangue a dipendenti per prevenzione

(AGI) - Roma, 29 set. - Un rapido test indolore, un prelievo disangue dal polpastrello di tutti i dipendenti del Ministero delLavoro e delle Politiche Sociali. L'obiettivo e'sensibilizzarli sull'importanza della prevenzione dellemalattie cardiovascolari, tramite la valutazione di alcuni trai principali fattori di rischio. E' una delle iniziative delprogetto a "Lavora con il cuore", la campagna nazionale che laFondazione Italiana per il Cuore ha presentato oggi a Roma, inoccasione della Giornata Mondiale per il Cuore, con ilcontributo di Sanofi. I dati che emergeranno (sui livelli di HDL-LDL, colesterolototale, trigliceridi, glicemia, ecc.)

(AGI) - Roma, 29 set. - Un rapido test indolore, un prelievo disangue dal polpastrello di tutti i dipendenti del Ministero delLavoro e delle Politiche Sociali. L'obiettivo e'sensibilizzarli sull'importanza della prevenzione dellemalattie cardiovascolari, tramite la valutazione di alcuni trai principali fattori di rischio. E' una delle iniziative delprogetto a "Lavora con il cuore", la campagna nazionale che laFondazione Italiana per il Cuore ha presentato oggi a Roma, inoccasione della Giornata Mondiale per il Cuore, con ilcontributo di Sanofi. I dati che emergeranno (sui livelli di HDL-LDL, colesterolototale, trigliceridi, glicemia, ecc.) saranno poi raccolti inun database anamnestico e di valutazione del livello di rischiocardiovascolare e ogni lavoratore potra' cosi' recarsisuccessivamente da un medico per dei validi consigli su cometenere sotto controllo il rischio cardiovascolare e interveniresugli stili di vita scorretti. Non solo. Verra' distribuito unmanifesto informativo sui corretti stili di vita per lemalattie cardiovascolari in alcuni uffici pubblici e privatipresenti in altre Regioni. Il progetto nasce dallaconsapevolezza che tramite uffici e luoghi di lavoro si possonoraggiungere i lavoratori e le loro famiglie, un elevato numerodi individui che rappresenta un campione significativodell'intera cittadinanza. Le patologie cardiovascolarirappresentano la prima causa di morte in Europa e in Italia.Sono responsabili, nell'Unione Europea, del 49 per cento dellemorti sia nell'uomo che nella donna e, secondo le statistichemondiali, la loro incidenza e' in aumento. Grazie a questosodalizio fra sanita' e mondo del lavoro sara' possibilecontribuire al conseguimento dell'obiettivo "25by25" fissatodall'Organizzazione Mondiale della Sanita': la riduzione del 25per cento di mortalita' precoce per malattie non trasmissibilientro il 2025. (AGI).