Salute: Lorenzin, donne sane fanno sana la comunita'

(AGI) - Roma, 2 ott. - "Fare prevenzione sulla salute delladonna significa mantenere in buona salute l'intera comunita', apartire dalla famiglia". Cosi' il ministro della Salute,Beatrice Lorenzin, in apertura della conferenza ministeriale"La salute della donna: un approccio life-course", in corsooggi e domani al ministero della Salute, inserita tra gliappuntamenti del semestre di presidenza italiana. Le donne, haricordato il ministro, possono contribuire in modo determinantealla salute della comunita' perche' possono intervenire "suglistili di vita, sull'alimentazione". Ma, dato il ruolo che ledonne hanno nella nostra societa', e' importante chequest'ultima si occupi

(AGI) - Roma, 2 ott. - "Fare prevenzione sulla salute delladonna significa mantenere in buona salute l'intera comunita', apartire dalla famiglia". Cosi' il ministro della Salute,Beatrice Lorenzin, in apertura della conferenza ministeriale"La salute della donna: un approccio life-course", in corsooggi e domani al ministero della Salute, inserita tra gliappuntamenti del semestre di presidenza italiana. Le donne, haricordato il ministro, possono contribuire in modo determinantealla salute della comunita' perche' possono intervenire "suglistili di vita, sull'alimentazione". Ma, dato il ruolo che ledonne hanno nella nostra societa', e' importante chequest'ultima si occupi della loro salute. "La diversita' biologica femminile - ha osservato Lorenzin- richiede un approccio medico specifico, una medicina digenere con ricerche mirate e farmaci dedicati. Nel corso diqueste due giornate di lavoro ragioneremo sulla salute delladonna lungo l'intero corso della sua vita, dall'infanzia allaterza eta', approfondendo temi come le malattie femminili,l'approccio di genere a malattie come i tumori e laprevenzione". Lorenzin ha poi ricordato: "Siamo in una fase ditrasformazione dei nostri sistemi sanitari, messi alla provadalla denatalita', dall'invecchiamento della popolazione edalla crisi economica che ha determinato tagli pesanti. Leistituzioni sanitarie si trovano dunque a dover fronteggiarenon solo le emergenze ma problemi strutturali che bisognaevitare diventino irrisolvibili. Il nostro obiettivo - haconcluso - e' lavorare affinche' il sistema di assistenzasanitaria universalistica, che ha contribuito a renderel'Europa quello che e', rimanga tale e continui a essereconsiderato un valore e non solo un costo". La prima giornatadi lavori si e' aperta con una sessione dedicata agli stili divita. Seguiranno quelle relative a salute sessuale eriproduttiva e ai tumori femminili. (AGI) Rm9/Gav .