Salute: in Italia 2 milioni di adulti con Adhd

(AGI) - Milano, 16 giu. - Il disturbo da deficit di attenzionee iperattivita' (Adhd) non riguarda solo i bimbi. In Italia aessere colpiti sono all'incirca 2 milioni di adulti, con unaprevalenza fra i maschi. Questo e' uno dei dati emersi aBrescia nel corso di un convegno internazionale organizzatodalla Cattedra dall'Universita' degli Studi di Brescia insiemealla Societa' Italiana di Psichiatria. Gli adulti con ADHD presentano, oltre ad una storia discarso rendimento scolastico, un eccesso di separazioni edivorzi, elevate probabilita' di difficolta' lavorative,sfavorevoli condizioni socio-economiche ed un maggior rischiodi andare incontro sia

(AGI) - Milano, 16 giu. - Il disturbo da deficit di attenzionee iperattivita' (Adhd) non riguarda solo i bimbi. In Italia aessere colpiti sono all'incirca 2 milioni di adulti, con unaprevalenza fra i maschi. Questo e' uno dei dati emersi aBrescia nel corso di un convegno internazionale organizzatodalla Cattedra dall'Universita' degli Studi di Brescia insiemealla Societa' Italiana di Psichiatria. Gli adulti con ADHD presentano, oltre ad una storia discarso rendimento scolastico, un eccesso di separazioni edivorzi, elevate probabilita' di difficolta' lavorative,sfavorevoli condizioni socio-economiche ed un maggior rischiodi andare incontro sia ad incidenti stradali che ad eventitraumatici in genere. Inoltre, gli adulti che presentano questapatologia lamentano un eccesso di condotte suicidarie, tassiparticolarmente elevati di co-diagnosi con altri disturbimentali, in particolare disturbi d'ansia, dell'umore e,soprattutto, disturbi associati all'uso di sostanzestupefacenti. "L'Adhd nell'adulto - ha spiegato EmilioSacchetti, presidente della Societa' Italiana di Psichiatria,direttore del Dipartimento di Salute Mentale degli SpedaliCivili di Brescia insieme - rappresenta ancora oggi una sortadi 'cenerentola' nel'ambito delle diagnosi psichiatriche. Dauna parte, la scarsa abitudine degli psichiatri a porreex-novo, appunto, questa diagnosi. Dall'altra, il mancatoriconoscimento del disturbo da parte dei neuropsichiatriinfantili al momento del suo esordio nella fanciullezza". (AGI).

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it