Salute: Fondazione Santa Lucia, parte progetto prevenzione cadute

(AGI) - Roma, 21 ott. - La Fondazione Santa Lucia ha presentatooggi il progetto di prevenzione cadute, realizzato con ilsupporto della Fondazione Roma. I pazienti ricoverati sarannosottoposti a un triage dei livelli di rischio e sensoriimplementati nei letti ospedalieri e negli ausili per ilcammino segnaleranno in tempo reale situazioni sospette.Segnali di allarme e informazioni sulla localizzazione delpaziente viaggeranno su dispositivi mobili in dotazione amedici e personale sanitario. Secondo la ultimo rapporto pubblicato a settembre dallaRete Europea per la Prevenzione delle Cadute ProFound, un terzodella popolazione oltre i 65 anni ne

(AGI) - Roma, 21 ott. - La Fondazione Santa Lucia ha presentatooggi il progetto di prevenzione cadute, realizzato con ilsupporto della Fondazione Roma. I pazienti ricoverati sarannosottoposti a un triage dei livelli di rischio e sensoriimplementati nei letti ospedalieri e negli ausili per ilcammino segnaleranno in tempo reale situazioni sospette.Segnali di allarme e informazioni sulla localizzazione delpaziente viaggeranno su dispositivi mobili in dotazione amedici e personale sanitario. Secondo la ultimo rapporto pubblicato a settembre dallaRete Europea per la Prevenzione delle Cadute ProFound, un terzodella popolazione oltre i 65 anni ne e' vittima e ben il 50 percento dopo gli ottant'anni. Incidenti che si tradurrebbero in3,7 milioni di ricoveri ospedalieri all'anno. Considerati icosti sociali che si aggiungono a quelli prettamente sanitari,le conseguenze economiche per gli Stati europei sarebberocomplessivamente di 25 miliardi di euro all'anno. Nel settoredella riabilitazione la prevenzione delle cadute si muove inpiu' su un crinale stretto. "Un percorso di riabilitazione devepuntare a rendere sempre piu' autonomo nei movimenti ilpaziente a ha spiegato Roberta Annicchiarico, responsabile delProgramma Prevenzione Cadute della Fondazione Santa Lucia adall'altra parte l'autonomia porta con se' il rischio che unmovimento sbagliato provochi la caduta. Con questo investimentoin tecnologie supportato dalla Fondazione Roma, puntiamo aprevenire il rischio senza rinunciare a concedere al pazientela liberta' di movimento appropriata allo stadio diriabilitazione in cui ci trova". Nel dettaglio il sistema ditriage per la prevenzione delle cadute prevede quattro scale dicolore. Bianco per pazienti non a rischio. All'estremo oppostoil blu per pazienti con problemi fisici e cognitivi che mettonogravemente a rischio equilibrio e movimento. I colori sarannoapplicati a letti di degenza e ad ausili per il movimento, maanche esposti sul braccialetto ospedaliero identificativo dellapersona. A ogni colore corrispondono regole di trattamento delpaziente che dovranno essere rispettate da tutto il personalemedico-sanitario e condivisi con i famigliari. Intanto neilaboratori di ricerca della Fondazione si lavora allo sviluppodi accelerometri indossabili che rispondano ai vincolinecessari per uso ospedaliero. Il sistema di sensori,realizzato con il supporto della Fondazione Roma insieme a unnuovo sistema di allerta per emergenze su dispositivi mobili,monitora la presenza del paziente a letto o in carrozzina e isuoi movimenti con ausili, come il deambulatore e le stampelle.In caso sospetto, i sensori lanciano un allarme ai dispositividi monitoraggio del personale ospedaliero, dando informazionisu dove si trova in quel momento il paziente. (AGI) red/cav .