Salute: Ferrara, esoscheletri a confronto su indossabilita'

(AGI) - Ferrara, 6 ott. - Per la prima volta al mondo, cinqueesoscheletri a confronto in termini di indossabilita',facilita' di utilizzo e funzionalita'. Ad indossarlidirettamente i pazienti vittime di lesioni: Steve, 22enne che a17 anni e' caduto in bicicletta, Micheal, 44enne carpentiererovinato a terra da un'impalcatura, e Daile, militare a cuihanno sparato durante una missione. E' successo a Ferrara,nell'ambito del 43° Congresso Nazionale della Societa'Italiana di Medicina Fisica e Riabilitativa (Simfer), di cuiuna speciale sessione dei lavori e' stata dedicata ai progressidell'assistenza robotizzata al movimento in ambitoneuroriabilitativo. Due di

(AGI) - Ferrara, 6 ott. - Per la prima volta al mondo, cinqueesoscheletri a confronto in termini di indossabilita',facilita' di utilizzo e funzionalita'. Ad indossarlidirettamente i pazienti vittime di lesioni: Steve, 22enne che a17 anni e' caduto in bicicletta, Micheal, 44enne carpentiererovinato a terra da un'impalcatura, e Daile, militare a cuihanno sparato durante una missione. E' successo a Ferrara,nell'ambito del 43° Congresso Nazionale della Societa'Italiana di Medicina Fisica e Riabilitativa (Simfer), di cuiuna speciale sessione dei lavori e' stata dedicata ai progressidell'assistenza robotizzata al movimento in ambitoneuroriabilitativo. Due di queste macchine sono state presentate per la primavolta in Italia: una di loro e' stata pensata per essereprodotta a basso costo, finalizzata a essere fornita aipazienti come ortesi facilitante il cammino in esiti di lesionimidollari e cerebrali. I dispositivi esoscheletrici indossabili- simili a una sorta di pantaloni bionici- sono studiate perdue scopi principali: come strumento terapeutico per favorirel'apprendimento e il recupero del cammino o come ortesi oausili per raggiungere un cammino funzionale in alcuneprincipali attivita' di vita. Nel primo caso, le macchine hannoin particolare l'obiettivo di guidare i meccanismi plastici oadattativi del cervello dopo lesioni cerebrali. Tali meccanismidi cascata di eventi biologici, dopo un danno riferibile alsistema nervoso centrale, sono uno dei temi trattati durante ilCongresso Simfer - coordinato dal Presidente Nino Basaglia -dove si e' approfondito come guidarli attraverso nuovi approccifarmaceutici, sempre affiancati a dispositivi riabilitativi.(AGI).