Salute: disturbi alimentari, sportello telematico al Bambin Gesu'

(AGI) - Roma, 16 ott. - In occasione della Giornata Mondialedell'Alimentazione l'Ospedale Pediatrico Bambino Gesu'predispone uno sportello telematico per aiutare le famiglie configli soggetti a disturbi del comportamento alimentare.L'iniziativa si chiama "Mio figlio non mangia" ed e' volta asviluppare un percorso riabilitativo del paziente attraverso uncorretto e consapevole rapporto con il cibo. Lo sportello telematico attivato prevede una casella mail(account miofigliononmangia@opbg.net) a cui inviare lasegnalazione del problema attraverso un diario alimentare delproprio figlio, che sara' valutato dallo staff di nutrizionistidell'ospedale romano. Previsto anche un gruppo chiuso suFacebook nel quale

(AGI) - Roma, 16 ott. - In occasione della Giornata Mondialedell'Alimentazione l'Ospedale Pediatrico Bambino Gesu'predispone uno sportello telematico per aiutare le famiglie configli soggetti a disturbi del comportamento alimentare.L'iniziativa si chiama "Mio figlio non mangia" ed e' volta asviluppare un percorso riabilitativo del paziente attraverso uncorretto e consapevole rapporto con il cibo. Lo sportello telematico attivato prevede una casella mail(account miofigliononmangia@opbg.net) a cui inviare lasegnalazione del problema attraverso un diario alimentare delproprio figlio, che sara' valutato dallo staff di nutrizionistidell'ospedale romano. Previsto anche un gruppo chiuso suFacebook nel quale le famiglie condivideranno le proprieesperienze con il nutrizionista e sul profilo Facebookufficiale dell'Ospedale un appuntamento a cadenza quindicinalecon gli specialisti, in modo da ottenere le risposte in temporeale. I medici dell'Unita' Operativa di Educazione Alimentaredel Bambino Gesu' hanno realizzato un decalogo di regole perfar assaggiare e scoprire ai propri figli nuovi sapori atavola. Senza paura. Tra i suggerimenti presenti, c'e' quellosecondo il quale tutta la famiglia deve cercare di avere lostesso tipo di alimentazione. Poi si invita a riproporre glialimenti piu' volte senza pero' costringere il bambino;rispettare l'orario dei pasti; niente giochi o tv mentre simangia; stimolare la curiosita' ad assggiare cibi nuovi;coinvolgere il bimbo in cucina, assaggiare tutti insieme; etrasformare la cucina in un ambiente di festa. (AGI).