Salute: dal 4 al 12 "Tutti in piazza sorridenti",lotta alla carie

(AGI) - Roma, 2 ott. - La carie e' una delle malattie cronichepiu' diffuse al mondo e colpisce oltre l'80% della popolazione(individui di eta' compresa tra i 19 e i 25 anni, fonte Oms eministero Salute). Il pericolo inizia gia' con i denti da lattei cui disturbi, se non curati in tempo, possono ledere i dentipermanenti fin dalla loro nascita. "Tutti in piazza sorridenti"e' la manifestazione che Aidi (Associazione Igienisti DentaliItaliani) promuove in Italia dal 4 al 12 ottobre durante laquale i suoi professionisti - con l'apporto determinante di unaazienda del

(AGI) - Roma, 2 ott. - La carie e' una delle malattie cronichepiu' diffuse al mondo e colpisce oltre l'80% della popolazione(individui di eta' compresa tra i 19 e i 25 anni, fonte Oms eministero Salute). Il pericolo inizia gia' con i denti da lattei cui disturbi, se non curati in tempo, possono ledere i dentipermanenti fin dalla loro nascita. "Tutti in piazza sorridenti"e' la manifestazione che Aidi (Associazione Igienisti DentaliItaliani) promuove in Italia dal 4 al 12 ottobre durante laquale i suoi professionisti - con l'apporto determinante di unaazienda del settore dell'igiene orale - saranno a disposizioneper impartire insegnamenti sul corretto spazzolamento dei dentied effettuare test di acidita' della saliva per misurarel'ossido nitrico, indicatore tra le altre di possibili lesionicariose. Ogni volta che mangiamo i batteri della placcametabolizzano gli zuccheri contenuti negli alimenti producendoacidi che aggrediscono lo smalto innescando il processo didemineralizzazione, principale responsabile della carie allostadio iniziale. Piu' a lungo rimane in bocca un alimento riccodi zuccheri o amidi, maggiore sara' la reazione placca-acido ela possibilita' che si instauri un processo carioso. Poiche'non e' possibile smettere di mangiare, ruolo della ricerca e'quello di approfondire meccanismi e interazioni dei batteri nelcavo orale mentre ad altri spetta il compito di mettere a puntoausilii con formule innovative che li contrastino. E in materiadi carie, la nuova frontiera della ricerca consistenell'aiutare a disattivare gli acidi dello zucchero prima chequesti possano aggredire i denti, puntando anche a contrastarela demineralizzazione dello smalto, ovvero favorendo ilprocesso di remineralizzazione. Dentifricio e spazzolino devonopero' essere impiegati nei tempi e nei modi che gli igienistidentali suggeriscono, come avverra' in piazza anche durantel'iniziativa predisposta per le 'Giornate di Ottobre'. Ma anchesottoporsi ad una o piu' sedute di igiene professionaleall'anno. La prevenzione della carie si attua anche osservandofin da bambini una corretta igiene alimentare, evitando cibieccessivamente acidi o che, una volta metabolizzati, possonogenerare un ambiente acido (come succhi di frutta, dolciumi,carne rossa, ecc.), preferendo frutta e verdura fresche, pasta,riso, latticini, uova, gli alimenti che consentono di mantenereun buon livello di acidita' della saliva. "L'insieme di questebuone e sagge operazioni consentira' di mantenere sana, neltempo, la nostra dentatura", sottolinea Marialice Boldi,presidente Aidi. (AGI).-