Salute: da Aifa algoritmo online per ipertensione

(AGI) - Roma, 23 set. - Un algoritmo per l'ipertensionearteriosa che ha l'obiettivo di orientare i medici, ma anchechiunque sia interessato, nella definizione della terapia. E'accessibile a partire da oggi sul sito web dell'Agenziaitaliana del Farmaco (Aifa), che lo ha realizzato incollaborazione con la Societa' italiana dell'IpertensioneArteriosa (Siia). Si tratta di uno strumento che,ipoteticamente, interessa 16 milioni di italiani, di entrambi isessi, affetti da questa patologia (dati Oms). "L'algoritmo e'un percorso terapeutico predefinito che abbiamo costruito conil contributo di grandi medici, ai quali abbiamo chiesto comeprocedono nel loro lavoro",

(AGI) - Roma, 23 set. - Un algoritmo per l'ipertensionearteriosa che ha l'obiettivo di orientare i medici, ma anchechiunque sia interessato, nella definizione della terapia. E'accessibile a partire da oggi sul sito web dell'Agenziaitaliana del Farmaco (Aifa), che lo ha realizzato incollaborazione con la Societa' italiana dell'IpertensioneArteriosa (Siia). Si tratta di uno strumento che,ipoteticamente, interessa 16 milioni di italiani, di entrambi isessi, affetti da questa patologia (dati Oms). "L'algoritmo e'un percorso terapeutico predefinito che abbiamo costruito conil contributo di grandi medici, ai quali abbiamo chiesto comeprocedono nel loro lavoro", ha spiegato il direttore generaledell'Aifa, Luca Pani, presentando a Roma il nuovo strumento.L'algoritmo prevede un questionario da compilare con i dati delpaziente. Una volta completate le risposte, appaiono isuggerimenti. "L'algoritmo - ha aggiunto il presidentedell'Aifa, Sergio Pecorelli - e' in grado di orientare medico epaziente nella definizione della terapia personalizzata per iltrattamento dell'ipertensione arteriosa, problema clinico eterapeutico di grande rilevanza in Italia, la cui incidenzaaumenta con l'eta' raggiungendo i livelli piu' elevati nellapopolazione anziana". Infatti, secondo gli indicatori Osmed, inItalia il 28,3% della popolazione assistibile risulta affettoda ipertensione (30-40% della popolazione generale). In pocopiu' della meta' dei pazienti (55,5%), il trattamentoantipertensivo viene assunto con continuita'. Le differenze digenere sono minime: uomini 57,4%; donne 53,9%. L'algoritmo,sottolinea infine l'Aifa, "si propone di giungere allaidentificazione della strategia terapeutica piu' corretta edappropriata sebbene lasci la decisione finale al giudizio delclinico". (AGI).