Ricerca: Infn, da Ue 1, 8 mln per particelle fotografate in 4D

(AGI) - Roma, 25 giu. - Sviluppare un nuovo rivelatore ultraveloce basato sul silicio e capace di realizzare un'immagine aquattro dimensioni delle particelle che lo attraversano"fotografando" contemporaneamente sia la posizione sia il tempodi passaggio delle particelle. E' questo il cuore del progettoUltra-Fast Silicon Detector (UFSD) proposto da NicoloCartiglia, della sezione di Torino dell'INFN, e vincitore di unfinanziamento ERC Advanced Grant dell'importo di 1,8 milioni dieuro e della durata di cinque anni. Il progetto si basa sullo sviluppo di un nuovo tipo dirivelatore al silicio, simile a quelli impiegati in moltiesperimenti

(AGI) - Roma, 25 giu. - Sviluppare un nuovo rivelatore ultraveloce basato sul silicio e capace di realizzare un'immagine aquattro dimensioni delle particelle che lo attraversano"fotografando" contemporaneamente sia la posizione sia il tempodi passaggio delle particelle. E' questo il cuore del progettoUltra-Fast Silicon Detector (UFSD) proposto da NicoloCartiglia, della sezione di Torino dell'INFN, e vincitore di unfinanziamento ERC Advanced Grant dell'importo di 1,8 milioni dieuro e della durata di cinque anni. Il progetto si basa sullo sviluppo di un nuovo tipo dirivelatore al silicio, simile a quelli impiegati in moltiesperimenti di fisica delle particelle, ma che sicontraddistingue per la capacita' di determinare il tempo dipassaggio di una particella in modo estremamente accurato, conuna risoluzione di circa 10 picosecondi. Ovvero: un rivelatorecapace di una precisione di 10 millesimi di miliardesimo disecondo e uno spessore pari a quello di un capello moltosottile. "La possibilita' di aggiungere la dimensione temporaleal processo di tracciamento e' fondamentale per associarecorrettamente le particelle che appartengono allo stessoevento, scartando quelle che invece sono passate nel rivelatorein tempi successivi", ha commentato Nicolo Cartiglia, vincitoredel finanziamento ERC Advanced Grant e ricercatore dell'INFN diTorino. Questo nuovo tipo di tecnologia trova applicazione incontesti in cui il rivelatore debba essere molto sottile oppuremolto resistente alle radiazioni come ad esempio nell'ambitodell'adroterapia oncologica in cui si sviluppano tecnologie dialtissima precisione da impiegare in dosimetria. (AGI) .

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it