Ricerca: energia viaggia meglio sotto i 15 nanometri

(AGI) - Milano, 27 nov. - L'energia viaggia piu' velocementenei semiconduttori nonostrutturati di dimensioni inferiori a 15nanometri. A quelle dimensioni, infatti, l'energia si muove conla precisione di un proiettile seguendo traiettorie"balistiche" e non in modo caotico, come invece avviene adimensioni maggiori. La scoperta e' frutto di un lavoro diricerca del California Institute of Technology di Pasadena, acui hanno partecipato ricercatori dell'Universita'Milano-Bicocca, pubblicato sulla rivista 'Nano Letters'. I semiconduttori nanostrutturati inferiori ai 15 nanometrisui quali e' stata effettuata la sperimentazione sono statimessi a punto da Stefano Sanguinetti e Sergio Bietti del

(AGI) - Milano, 27 nov. - L'energia viaggia piu' velocementenei semiconduttori nonostrutturati di dimensioni inferiori a 15nanometri. A quelle dimensioni, infatti, l'energia si muove conla precisione di un proiettile seguendo traiettorie"balistiche" e non in modo caotico, come invece avviene adimensioni maggiori. La scoperta e' frutto di un lavoro diricerca del California Institute of Technology di Pasadena, acui hanno partecipato ricercatori dell'Universita'Milano-Bicocca, pubblicato sulla rivista 'Nano Letters'. I semiconduttori nanostrutturati inferiori ai 15 nanometrisui quali e' stata effettuata la sperimentazione sono statimessi a punto da Stefano Sanguinetti e Sergio Bietti delDipartimento di Scienza dei Materiali dell'ateneo milanese incui si e' sviluppata la specializzazione di controllare lamateria a livello nanometrico, riconosciuta a livellointernazionale. A vederli nelle immagini ottenute colmicroscopio a forza atomica la immagine), questi semiconduttorisomigliano a dune isolate nel deserto. Si tratta di strutturefatte di arseniuro di gallio che i ricercatori hanno fattocrescere in una macchina chiamata Molecular-Beam Epitaxy (MBE)nei laboratori L-NESS della Universita' di Milano-Bicocca aComo. "Contrariamente a quanto si supponeva - ha dettoSanguinetti - nei materiali nanostrutturati di dimensioniinferiori ai 15 nanometri le vibrazioni prodotte dall'energianon si muovono dal punto di generazione con un moto diffusivo,che potremmo definire "a goccia di inchiostro, bensi' sispostano nel materiale senza degradarsi e deviare datraiettorie rettilinee come quelle di un proiettile. Questaimportante scoperta ha implicazioni nel campo della generazionediretta di energia elettrica da fonti di calore, come neimateriali termoelettrici, e nel fotovoltaico avanzato". (AGI)Red/Gav.