Radar Meteorologia: Cetemps organizza primo convegno nazionale

(AGI) - L'Aquila, 30 giu. - Il primo convegno nazionale diRadar Meteorologia (www.radmet2015.it) si svolgera' a Roma il 6e luglio prossimi presso la Sala del Chiostro in via Eudossiana18. Il convegno RadMet2015.IT e' promosso dal Centro diEccellenza Cetemps dell'Universita' dell'Aquila, unitamente alDipartimento Diet della Sapienza, all'Isac del ConsiglioNazionale delle Ricerche, all'Arpa Emilia Romagna e all'ArpaPiemonte, e il presidente ne e' il prof. Frank Marzano,direttore del Cetemps. Il mosaico della rete nazionale(http://www.protezionecivile.gov.it/jcms/en/mappa_radar.wp),gestito dal Dipartimento della Protezione civile rappresenta lamigliore sintesi odierna dello sforzo della comunita'radar-meteorologica italiana. In questo mosaico

(AGI) - L'Aquila, 30 giu. - Il primo convegno nazionale diRadar Meteorologia (www.radmet2015.it) si svolgera' a Roma il 6e luglio prossimi presso la Sala del Chiostro in via Eudossiana18. Il convegno RadMet2015.IT e' promosso dal Centro diEccellenza Cetemps dell'Universita' dell'Aquila, unitamente alDipartimento Diet della Sapienza, all'Isac del ConsiglioNazionale delle Ricerche, all'Arpa Emilia Romagna e all'ArpaPiemonte, e il presidente ne e' il prof. Frank Marzano,direttore del Cetemps. Il mosaico della rete nazionale(http://www.protezionecivile.gov.it/jcms/en/mappa_radar.wp),gestito dal Dipartimento della Protezione civile rappresenta lamigliore sintesi odierna dello sforzo della comunita'radar-meteorologica italiana. In questo mosaico confluisce lamaggior parte delle osservazioni radar in tempo quasi realesono integrate e visualizzate ogni 10 minuti per perapplicazioni di interesse meteorologico, protezionistico eaeronautico. Alle spalle di questo prodotto c'e'un'infrastruttura di livello internazionale in cuisignificative risorse materiali e umane sono investite ognigiorno. Il direttore del Cetemps Marzano commenta: "Nel mosaiconazionale il ruolo del radar meteorologico di monte Midia,vicino Tagliacozzo (l'Aquila), e' fondamentale avendo unacopertura sull'intero centro Italia. Quel radar, di proprieta'della Regione Abruzzo dal 1998, fu ri-installato nel 2005-06sulla sommita' di una torre di 50 metri a 1700 metri di quotanell'ambito di un progetto pioneristico, finanziato dalDipartimento della Protezione civile e coordinato dall'ing.Errico Picciotti del Cetemps e da Telespazio S.p.A. Dal 2001 -ricorda il professor Frank Mazano - il Cetemps svolge unriconosciuto ruolo di traino a livello nazionale nel settoreradar meteorologico rappresentando le competenze, non solouniversitarie, sviluppate in Abruzzo". L'ambizione e' che ilconvegno nazionale RadMet.IT diventi un appuntamento periodicodove il mondo della ricerca e sviluppo e quellodell'operativita' e delle istituzioni si incontrino perconfrontarsi e tracciare un percorso comune, ottimizzandorisorse e valorizzando competenze nazionali nella radarmeteorologia (e non solo)". Il convegno nazionale RadMet2015.IT, al fine diprivilegiare sia l'aspetto tecnico scientifico che quelloprogrammatico-divulgativo - spiega il direttore - e' articolatoin due eventi: giornata di studio e conferenza tematica. LaGiornata di studiohttp://www.radmet2015.it/index.php/giornata-di-studio-6-luglio)e' un incontro che coinvolge i referenti degli enti pubblici(quali DPC, Regioni, Province, ARPA, Consorzi, CNR,Universita') che, a vario titolo, gestiscono un sistema radarmeteo sia esso operativo che di ricerca, sia esso per usolocale o per mosaico nazionale. La Conferenza tematicahttp://www.radmet2015.it/index.php/conferenza-tematica-7-luglio)e' un incontro aperto a tutti gli interessati in cui lacomunita' radar-meteorologica nazionale si interfaccera' econfrontera' con enti istituzionali, l'assetto internazionale egli utenti privilegiati con l'intervento dei direttori ecoordinatori di vari enti nazionali e internazionali. Ma ilconvegno nazionale RadMet2015.IT sara' anche l'occasione perinterrogarsi sul ruolo della comunita' radar-meteorologicanell'ambito della proposta di istituzione del ServizioMeteorologico Nazionale Distribuito (Smnd)". A tal proposito ildirettore del Cetemps prof. precisa: "La questione Smnd e'annosa e rappresenta una peculiarita' tutta italiana in ambitoeuropeo e internazionale: un servizio di naturatecnico-scientifica affidato al Stato Maggiore dell'Aeronauticacon discutibili implicazioni di interesse generale. In ognipaese occidentale esiste un servizio pubblico civile diprevisioni idro-meteo-climatiche, settore diventato strategicoin vari ambiti sociali e produttivi. In Italia questo settorenon ha un riferimento istituzionale nazionale e si espone ognigiorni all'informazione, spesso scandalistica se nonterroristica, dei servizi puramente commerciali. L'auspiciodella Legge 100 del 2012 era quello di completare l'iter diistituzione del Smnd in 6 mesi: ne sono passati 35 ... Unarticolo di qualche anno fa (2008), scritto insieme con ilprof. Guido Visconti per un'importante rivista americana, bendescrive lo stato in cui versa la meteorologia in Italia e isuoi possibili scenari". Il convegno RadMet2015.IT sara' dunquel'opportunita' per fare il punto della situazione e rilanciarel'iniziativa Smnd. (AGI) Red/Ett.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it