Con la Ev, Porsche conta di mettersi alle spalle la Model S di Tesla

I manager tedeschi vogliono vendere il primo modello entro il 2019. Batteria e motopropulsore dovrebbero garantire prestazioni superiore a quella della superlusso di Elon Musk

Con la Ev, Porsche conta di mettersi alle spalle la Model S di Tesla

Nella fuga dai carburanti di origine fossile vinceranno i più veloci. Non stupisce dunque vedere tra le auto in corsa proprio la Porsche, che ha annunciato di voler arrivare a vendere il suo primo modello all-electric entro il 2019. La casa automobilistica di Stoccarda aveva presentato il primo concept della Porsche Ev nel 2015, ma ora il progetto è cresciuto e promette di far mangiare la polvere alla Model S di casa Tesla.

Stefan Weckbach, capo del progetto Mission E di Porsche, ha detto che a differenza della quattroruote elettrica superlusso di Elon Musk, la Porsche Ev avrà performance superiori e senza limitazioni. Il riferimento è ai computer di bordo della Model S, che ne limitano in alcuni casi le prestazioni per preservare batterie e gruppo motopropulsore.

La Porsche Ev sarà dotata di un sistema di ricarica veloce, che le consentirà di avere un’autonomia di 400 chilometri in soli venti minuti. Al momento del lancio Porsche Ev dovrebbe essere messa in vendita con tre diversi livelli di potenza, e un prezzo di partenza di poco superiore ai 67mila euro, secondo quanto riportato da Carmagazine.

Con la Ev, Porsche conta di mettersi alle spalle la Model S di Tesla
 Mission E Porsche 

Leggi anche: Fca non farà più auto diesel dal 2022. Perché i marchi abbandonano questa tecnologia

Negli ultimi anni nel mercato automobilistico si è assistito a una vera e propria corsa per produrre veicoli nuovi e più ecosostenibili. La crescita di marchi all-electric come Tesla e la crescente preoccupazione per l’inquinamento generato dalle macchine diesel hanno reso chiaro che nel futuro le macchine elettriche saranno sempre più comuni. Fca abbandonerà i motori diesel dalle auto passeggeri a partire dal 2022 a causa del crollo della domanda e dei crescenti costi per raggiungere gli standard delle emissioni, mentre in alcuni Paesi europei si valuta il bando delle automobili diesel nelle zone in cui l’inquinamento è più alto.

 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.