Ogm: Martina, confermiamo divieto coltivazione in campo

(AGI) - Udine, 25 giu. - "La nostra posizione e' molto chiara:siamo per confermare il divieto per la coltivazione in campo,nella convinzione che il modello agricolo italiano ha bisognodi investire su altro fronte: la nostra competitivita' si basasulla qualita' e sulla distintivita'". Lo ha detto oggi aUdine, a margine del Forum Food Est, il ministro dellePolitiche agricole Maurizio Martina parlando della questioneOgm. "Io - ha ribadito - sono per confermare il fatto che inItalia, come in altri Paesi d'Europa, non si debbano coltivareogm in campo". In futuro per Martina si deve

(AGI) - Udine, 25 giu. - "La nostra posizione e' molto chiara:siamo per confermare il divieto per la coltivazione in campo,nella convinzione che il modello agricolo italiano ha bisognodi investire su altro fronte: la nostra competitivita' si basasulla qualita' e sulla distintivita'". Lo ha detto oggi aUdine, a margine del Forum Food Est, il ministro dellePolitiche agricole Maurizio Martina parlando della questioneOgm. "Io - ha ribadito - sono per confermare il fatto che inItalia, come in altri Paesi d'Europa, non si debbano coltivareogm in campo". In futuro per Martina si deve "lavorare molto, piu' diquanto si sia fatto finora, sull'organizzazione delle impreseagricole e dei distretti agricoli territoriali; dobbiamospingere sulla presenza di piu' giovani nelle imprese agricoleperche' il tasso degli under 40 in agricoltura e' piu' bassodella media europea. E, infine, occorre accorciare la filiera espingere verso piu' numerosi accordi tra produttori e mondodella trasformazione e della distribuzione, anche per aumentarela capacita' di reddito degli agricoltori". Tra i settori sucui investire, Martina ha citato il biologico. "Il biologico e'una delle leve di questo nuovo modello agricolo italiano. Gia'oggi noi siamo leader in Europa, ma possiamo fare molto dipiu'. Comunque - ha concluso - gia' il fatto che ci siano50mila imprese agricole che producono ogni giorno biologico e'un punto di forza. Ma e' un settore di certo su cui investireancora". (AGI) .

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it