Twitter continua a dare la 'spunta blu' ad account fasulli

Twitter continua a dare la 'spunta blu' ad account fasulli

Il caso di un giornalista del Washington Post che si è spacciato per un senatore democratico (con il suo consenso) dimostra che le migliorie promesse da Musk sui profili verificati lasciano ancora (molto) a desiderare

twitter falso accont senatore spunta blu

© Jakub Porzycki / Nurphoto via Afp
  - Twitter

AGI - Elon Musk aveva assicurato che avrebbe risolto il problema degli impostori su Twitter, ma il fatto che un giornalista del Washington Post sia riuscito a farsi passare per un senatore degli Stati Uniti e a ottenere la 'spunta blu' suggerisce che c'è ancora molta strada da fare.

Martedì, @SenatorEdMarkey è diventato brevemente virale su Twitter. Gisele Barreto Fetterman, moglie del senatore John Fetterman (un democratico della Pennsiylvania), ha ringraziato @SenatorEdMarkey in un tweet che ha raccolto 140.000 visualizzazioni.

Il problema è che @SenatorEdMarkey non è il vero senatore Edward J. Markey, ma il cronista politico del WP Geoffrey Fowler che, con il permesso del vero senatore democratico del Massachusetts, ha ingannato la piattaforma senza alcuna difficoltà e, sborsando meno di 8 dollari, ha aootenuto la verifica di autenticità.

È la seconda volta che Fowler riesce a impersonare il senatore. A novembre, quando Twitter aveva iniziato a vendere i suoi segni di spunta blu a chiunque a pagamento, aveva mostrato quanto fosse facile acquistare lo status ufficiale con un account fasullo chiamato @realEdMarkey.

Musk, che ha acquistato Twitter a ottobre, ha litigato su Twitter con Markey a riguardo, poi ha chiuso il servizio Blue e ha promesso che in una versione nuova e migliorata "tutti gli account verificati sarebbero stati autenticati manualmente" prima che fosse data loro l'autorevolezza del segno di spunta.

Dopo il lancio di Blue 2.0 il 12 dicembre, Fowler ha creato un altro Markey falso e ha richiesto la verifica. Alcuni dei nuovi requisiti di Twitter hanno rallentato il processo e potrebbero dissuadere alcuni imitatori impazienti, ma la società non ha mai chiesto di avere una qualche forma di identificazione e così la scorsa settimana è spuntato un segno di spunta blu sull'account fasullo @SenatorEdMarkey.