Multinazionali: R&S, Rosneft entra in top 10, Eni prima italiana

(AGI) - Milano, 16 lug. - Rosneft entra nella 'top 10' dellemultinazionali mondiali, posizionandosi al decimo posto pertotale attivo con quasi 162 miliardi di euro. E' questa laprincipale novita' nell'indagine annuale sulle multinazionalidi Mediobanca R&S. Il gruppo petrolifero russo, recentementeentrato anche in Pirelli, era lo scorso anno in ventiseiesimaposizione e ha scalato la classifica con l'acquisizione diTnk-Bp. Invariate le prime posizioni, con Gazprom che siconferma per il secondo anno consecutivo la piu' grandesocieta' del mondo, davanti a Toyota grazie all'effetto cambi;seguono, entrambe in crescita, Petrochina e la tedescaVolkswagen. Quest'ultima

(AGI) - Milano, 16 lug. - Rosneft entra nella 'top 10' dellemultinazionali mondiali, posizionandosi al decimo posto pertotale attivo con quasi 162 miliardi di euro. E' questa laprincipale novita' nell'indagine annuale sulle multinazionalidi Mediobanca R&S. Il gruppo petrolifero russo, recentementeentrato anche in Pirelli, era lo scorso anno in ventiseiesimaposizione e ha scalato la classifica con l'acquisizione diTnk-Bp. Invariate le prime posizioni, con Gazprom che siconferma per il secondo anno consecutivo la piu' grandesocieta' del mondo, davanti a Toyota grazie all'effetto cambi;seguono, entrambe in crescita, Petrochina e la tedescaVolkswagen. Quest'ultima e', per la prima volta, al verticedella classifica europea. Eni, con 134,2 miliardi di euro, siconferma prima italiana e sesta in Europa per totale attivo;nel mondo, e' al quattordicesimo posto. Le altre italiane in classifica sono Exor diciottesima, checontrolla Fiat-Chrysler, e Finmeccanica (108esima). Lafotografia dei giganti mondiali di R&S riflette nel 2013 unpeso sempre piu' crescente delle societa' asiatiche, tanto cheoggi 4 delle multinazionali nella top 10 sono 'extra triade'.Le multinazionali nel mondo con almeno 3 miliardi di euro diricavi sono 383; fatturano complessivamente 12.369 miliardi edanno lavoro a oltre 32 milioni di persone. Le europee sonomediamente le piu' grandi, con le tedesche nella parte delleone; le asiatiche stanno pero' crescendo anche in dimensioni(oggi sono grandi circa il doppio rispetto a nove anni fa).Nell'ultimo decennio, le 'big' dei Paesi maturi si sonosviluppate principalmente tramite acquisizioni, mentre lacrescita delle multinazionali dei Paesi emergenti e' avvenutasoprattutto per linee interne. Guardando solo alletelecomunicazioni, la prima in classifica e' China Mobile e laseconda Verizon (salita di tre posizioni dopo l'acquisizionedel 100% della joint venture con Vodafone); al sesto posto c'e'Telefonica, mentre Telecom Italia mantiene la dodicesimaposizione. Tra le utilities, guida la classifica Edf; sulgradino piu' basso del podio c'e' Enel, subito dietro a GdfSuez. (AGI) .