Mers: un primo morto in Germania, ora l'Europa teme il contagio

(AGI/AFP/EFE) - Berlino, 16 giu. - Ora anche l'Europa teme ilcontagio da Mers. Un 65enne e' morto in Germania per unamalattia polmonare conseguente all'infezione da SindromeRespiratoria del Medio Oriente, un coronavirus 'cugino' dellaSars che ha gia' causato 19 vittime in Corea del Sud. L'uomoaveva probabilmente contratto il virus durante una visita adAbu Dhabi, negli Emirati Arabi, ed e' deceduto in un ospedaledella Bassa Sassonia il 6 giugno. Il suo, come precisa ilCentro Europeo per la Prevenzione e Controllo delle Malattie diStoccolma, e' il primo caso di contagio da Mers nell'UnioneEuropea

(AGI/AFP/EFE) - Berlino, 16 giu. - Ora anche l'Europa teme ilcontagio da Mers. Un 65enne e' morto in Germania per unamalattia polmonare conseguente all'infezione da SindromeRespiratoria del Medio Oriente, un coronavirus 'cugino' dellaSars che ha gia' causato 19 vittime in Corea del Sud. L'uomoaveva probabilmente contratto il virus durante una visita adAbu Dhabi, negli Emirati Arabi, ed e' deceduto in un ospedaledella Bassa Sassonia il 6 giugno. Il suo, come precisa ilCentro Europeo per la Prevenzione e Controllo delle Malattie diStoccolma, e' il primo caso di contagio da Mers nell'UnioneEuropea quest'anno. Un altro caso si era registrato nellaseconda meta' del 2014. "Il fatto che questo paziente sia mortonon cambia la nostra valutazione del rischio per l'Europa, cherimane basso", ha commentato il portavoce Romit Jain. Il 65ennesi era recato nel mese di febbraio negli Emirati Arabi, dove -secondo le autorita' sanitarie tedesche - ha probabilmentecontratto il virus durante una visita in un mercato di animali.La Mers, infatti, sembra venga trasmessa dai cammelli e, non acaso, era stata identificata per la prima volta nel 2012 inArabia Saudita. L'uomo e' stato ricoverato e posto inquarantena nell'ospedale della citta' di Ostercappeln, nellaBassa Sassonia. E' riuscito a superare l'infezione ma, pocodopo, ha sviluppato la malattia polmonare che lo ha condottoalla morte. Le autorita' sanitarie tedesche assicurano che lepersone venute in contatto col paziente non hanno contratto ilvirus. "Abbiamo condotto esami su 200 persone e nessuna e'risultata positiva alla Mers", ha reso noto il ministro dellaSanita' della Bassa Sassonia, Cornelia Rundt. "L'esempio dellaCorea del Sud indica, tragicamente, che una gestione coordinatadi questo tipo e' assolutamente cruciale", ha sottolineato. InCorea i casi di contagio -finora- ammontano a 154 ma quasi lameta' si sono tutti sviluppati in un unico ospedale, il SamsungMedical Centre di Seul, dove le autorita' hanno tardato adapplicare le necessarie misure di isolamento dei malati.Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanita', la Mers ha untasso di mortalita' di circa il 35%; al momento non esistevaccino. (AGI)

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it