Mai più spot accanto a contenuti sgraditi. Google rivela le contromisure

Dopo le polemiche scatenate dalle aziende britanniche, il motore di ricerca introduce nuovi strumenti. Tra le novità, la possibilità di intervenire contemporaneamente su un insieme di annunci e la rimozione di pubblicità dai contenuti portatori di odio 

Mai più spot accanto a contenuti sgraditi. Google rivela le contromisure
Google (Afp) 

Google rafforza gli strumenti per evitare che le pubblicità finiscano a fianco di contenuti sgraditi. In Gran Bretagna numerose aziende avevano ritirato la pubblicità perché i propri spot erano apparsi accanto a video o post  inappropriati, da lì è scoppiata una polemica che ha portato il gigante di Internet a ideare delle misure per evitare il fuggi fuggi dei pubblicitari. "Sappiamo che gli inserzionisti non vogliono che le loro pubblicità compaiano accanto a contenuti che non corrispondono ai loro valori. E così, a partire da oggi, prendiamo una posizione netta sui contenuti portatori di odio, offensivi e denigratori", ha spiegato Philipp Schindler, direttore commerciale di Google, in un post sul sito del gruppo americano.

Ecco le tre novità

  • Cambiano le impostazioni di sicurezza  

Google sta lavorando per cambiare le impostazioni di default per gli annunci. Lo scopo è far sì che gli spot appaiano solo su contenuti sicuri e non potenzialmente discutibili e che soprattutto rispettino i valori delle aziende che pubblicizzano il loro marchio.

  • Gestione semplificata delle esclusioni 

Basterà un clic per rendere più facile agli inserzionisti escludere siti e canali specifici da tutti i loro AdWords, per i video e per le campagne della Rete Display di Google. Gli account potranno così gestire le impostazioni di sicurezza del proprio marchio in tutte le loro campagne pubblicitarie. 

  • Più controlli e più trasparenza 

Google introdurrà nuovi controlli per rendere più facile per i marchi escludere il contenuto a rischio e decidere dove vogliono far apparire i loro annunci. Inoltre, verrà offerta agli inserzionisti maggiore trasparenza e visibilità su quali contenuti vengono inseriti gli spot e, nei prossimi mesi, verrà ampliata la disponibilità di report sulle piattaforme video per tutti gli inserzionisti.

Perché Google adotta queste misure

"Di recente abbiamo avuto una serie di casi in cui gli annunci di marche sono apparsi su contenuti che non erano in linea con i loro valori. Di questo ci scusiamo. Sappiamo che questo è inaccettabile per gli inserzionisti e le aziende che hanno fiducia in noi. Questo è il motivo per cui abbiamo realizzato una vasta revisione delle nostre politiche di pubblicità e per cui abbiamo annunciato il nostro impegno a mettere in atto cambiamenti che daranno ai marchi più controllo sul posizionamento dei loro annunci". 

La stretta su Youtube 

Giro di vite anche da parte del team di Youtube - anch'essa controllata di Alphabet, la holding che possiede Google - che sta passando al setaccio le linee guida della comunità esistenti per determinare quali contenuti possano essere inseriti nella piattaforma video e quali no, e non solo in base a ciò che può essere monetizzato.